THE BLACK PHONE

Regia di Scott Derrickson, 2021
 
Genere: horror
 
di
27 Luglio 2022
 

Già autore tra le altre cose dell’ultimo capolavoro Horror che ho visto, il terrificante “Sinister”, Derrickson, che nel frattempo ha anche preso parte al multiverso Marvel (il primo, ottimo “Doctor Strange”), ritorna con questo “The Black Phone” ad un’opera a lui congeniale.

Se da una parte abbiamo l’afferenza al canone retromaniaco post “Stranger Things”, che vede dunque la pellicola ambientata negli abusati e interminabili anni ’80, dall’altra Derrickson ci restituisce il magico decennio con più violenza e cupezza di quello cui siamo abituati.

Un altro capovolgimento rispetto al suo modus operandi riguarda il ruolo del soprannaturale. Il Babau, interpretato da un magnifico Ethan Hawke, è dunque un cattivo in carne ed ossa, un rapitore, seviziatore e assassino seriale dei tipici adorabili pre-adolescenti in bicicletta. Questi ultimi possono però contare su premonizioni e, soprattutto, sugli spiriti dei bimbi precedentemente assassinati da Hawke, mai parchi di suggerimenti, elargiti attraverso un telefono rotto nella cantina cella dell’aguzzino, per sconfiggere quest’ultimo.

Oltre alla solidità della trama e dela plumbea messinscena, Derrickson può contare su dettagli che ne fanno un autore horror con una sua riconoscibile cifra stilistica, su tutti l’uso di intermezzi found footage e della colonna sonora in bilico tra ambient e oscura psichedelia.

Titolo originale: The Black Phone
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Durata: 102 min
Soggetto: dal racconto di Joe Hill
Sceneggiatura: Scott Derrickson, C. Robert Cargill
Produttore: Scott Derrickson, C. Robert Cargill, Jason Blum
Produttore esecutivo: Joe Hill, Ryan Turek, Christopher H. Warner
Casa di produzione: Blumhouse Productions, Crooked Highway, Universal Pictures
Distribuzione in italiano: Universal Pictures
Fotografia: Brett Jutkiewicz
Musiche: Mark Korven

Interpreti e personaggi

Ethan Hawke: Il Rapace
Mason Thames: Finney Shaw
Madeleine McGraw: Gwen Shaw
Jeremy Davies: Terrence Shaw

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Zio Tibia – Il Documentario

Articolo a cura (e presente sul sito) di Horroritaly.com “Un viaggio vero e proprio nel mondo dell’unico, inimitabile, malefico, e ...

Kleo

Sterminatamente tarantiniana, dalle dinamiche del plot fino alle millemila citazioni, inclusa quella forse un po’ troppo scontata ...

Pistol

“What a fucking rotter”, all’ora del tè, sulla ingessata, ordinaria, tradizionale e bigotta TV inglese degli anni ...

Stranger Things (Stagione 4)

Arrivo un po’ in ritardo per un motivo molto semplice. Quando appena uscita guardai la prima stagione di “Stranger ...

Better Call Saul (Stagione 6)

Minor (davvero minor) Spoiler Alert Ultimamente lo si sente dire sempre più spesso: “Better Call Saul” è meglio di “Breaking Bad”. ...

Recent Comments