AMANDA SHIRES
Take It Like A Man

[ATO – 2022]
7.5
 
Genere: Indie rock, country
 
8 Agosto 2022
 

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ingabbiare dalle regole di un mondo fortemente legato a tradizioni difficili da combattere. La situazione è migliorata negli ultimi anni anche grazie all’impegno di donne come lei, capaci di creare la propria strada a suon di canzoni scritte come solista, con il supergruppo The Highwomen o in sodalizio col marito Jason Isbell che suona la chitarra in ben sei brani del nuovo album prodotto da Lawrence Rothman (Angel Olsen, Girl in Red, Courtney Love).

E’ un disco atipico “Take It Like A Man”. Duro e autobiografico, fa i conti con le mille insidie della vita e dell’America senza sconti né giustificazioni. Rapporti difficili, insoddisfazione, sofferenza, una rabbia concreta sporca a volte il lato melodico della musica di Amanda Shires che alla soglia fatidica dei quaranta anni si scopre falco e non colomba. Emblematica la quasi totale assenza dello strumento preferito, quel violino lungamente accarezzato che qui viene lasciato da parte per far spazio a suoni più corposi, da vera band (ad affiancarla ci sono anche Jimbo Hart al basso, Peter Levin alle tastiere, Maren Morris ai backing vocals in “Empty Cups”).

Il cuore in mano, la voce che si spezza nella title track, una sicurezza di sé nata dall’esperienza e dalle mille difficoltà affrontate e superate versando qualche lacrima ma senza drammi, con un’intensità che rende preziosi brani come “Don’t Be Alarmed” o “Fault Lines”. Dieci pezzi in cui dominano le tastiere, più vicini all’indie rock che in passato con l’eccezione di “Everything Has Its Time” (scritta insieme a Natalie Hemby) che con i suoi toni orchestrali sa di riconciliazione e serenità raggiunta. Settimo album e quasi un secondo debutto, questa la definizione più gettonata per “Take It Like A Man” e la svolta è evidente, se momentanea o definitiva sarà il tempo a dirlo.

Tracklist
1. Hawk For The Dove
2. Take It Like A Man
3. Empty Cups
4. Don't Be Alarmed
5. Fault Lines
6. Here He Comes
7. Bad Behavior
8. Stupid Love
9. Lonely At Night
10. Everything Has Its Time
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments