…AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
XI: Bleed Here Now

[ Dine Alone Records - 2022 ]
8.5
 
Genere: alternative rock, progressive
 
8 Agosto 2022
 

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, non può che essere una prerogativa imprescindibile per una band che, da ormai un quarto di secolo, gira il mondo sfoggiando un nome lungo un chilometro: …And You Will Know Us By The Trail Of Dead. L’undicesimo album del gruppo capitanato da Conrad Keely e Jason Reece, intitolato “XI: Bleed Here Now”, è un ottimo esempio di come anche il rock più grandioso e potente (i malvagi lo definirebbero pomposo) possa non solo essere estremamente avvincente, ma anche primeggiare per gusto ed estro.

A rendere questo disco esaltante, più che il sound avvolgente e ultra-definito, sono la qualità della scrittura, la perfezione delle armonie vocali, il feeling tra i musicisti coinvolti e il livello stellare degli arrangiamenti. Tutti aspetti di non poco conto, considerando il fatto che stiamo parlando di un album che spinge il concetto di variegato verso confini inesplorati.

I Trail Of Dead di “XI: Bleed Here Now”, un’opera che nasce nei mesi bui delle prime ondate della pandemia, reagiscono all’orrore dei tempi moderni con un lavoro ricco, esplosivo e pregno di emozioni, dove ogni singola nota è un concentrato di vita. Ancora una volta la band texana ripudia l’idea di porsi limiti e si lancia con coraggio verso un’avventura rock dove stili, generi e stati d’animo si fondono in forme sempre diverse.

I marchi di fabbrica del gruppo ci sono tutti. Le atmosfere cinematografiche, le orchestrazioni da musical, i ritornelli anthemici da stadio e i crescendo carichi di pathos sono ancora qui e in estremo risalto, a confermare l’ormai assodato formato “kolossal” dei Trail Of Dead.

È vero: la band, nonostante la grandeur, non ha mai raggiunto quella fama clamorosa che è capace di spalancarti le porte delle arene e dei palazzetti più capienti. Per noi ascoltatori però è molto meglio così, perché il successo commerciale avrebbe seriamente rischiato di banalizzare una formula che, tra scariche di rabbia in salsa post-hardcore (“Kill Everyone”) e gentili carezze folk (“Growing Divide”, con Britt Daniel degli Spoon a fare da ospite di lusso), trova il suo perfetto equilibrio nel non equilibrio.

In una totale assenza di barriere che ci permette di viaggiare liberi tra le soffici melodie power pop di “Field Song” e la durezza hard/prog rock di “No Confidence”, passando ancora per i cori da ubriaconi della festosa “Salt In Your Eyes” e la raffinatezza art rock di una “Millennium Actress” dove troviamo anche la voce di una vecchia amica di Keely e Reece, ovvero Amanda Palmer.

Quella dei Trail Of Dead di “XI: Bleed Here Now” non è mera ampollosità ma passione pura per il rock a 360 gradi. Un amore incontrollabile, profondo e intenso che si avverte in maniera particolare in canzoni davvero memorabili come “Penny Candle”, “Golden Sail”, “Taken By The Hand”, “Water Tower”, “Protest Streets” e nella più bella di tutte, ovvero la toccante “Contra Mundum”. Un album commovente e galvanizzante che straconsigliamo a tutti.

Tracklist
1. Our Epic Attempts
2. Long Distance Hell
3. Field Song
4. Penny Candle
5. No Confidence
6. String Theme
7. Kill Everyone
8. Growing Divide
9. Pigments
10. Golden Sail
11. A Life Less Melancholy
12. Taken by the Hand
13. Contra Mundum
14. Darkness into Light
15. Water Tower
16. Sounds Of Horror
17. Protest Streets
18. The Widening Of Gyre
19. Millenium Actress
20. Salt in your Eyes
21. English Magic
22. Calm As The Valley
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments