TRAAMS
Personal Best

[ FatCat Records - 2002 ]
7
 
Genere: Alt Rock
 
10 Agosto 2022
 

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album.
Una pausa davvero molto lunga considerato che le ultime notizie su di loro facevano riferimento al tour del 2017 e al singolo “House on Fire”, fatta eccezione per l’ottimo “The Grayhound” tirato fuori nel 2020.

Come ha dichiarato Stuart Hopkins, voce e chitarra della band, anche se non si sono sciolti definitivamente c’era stato un lungo periodo nel quale avevano abbandonato ogni intenzione creativa.
Il resto della band non era rimasta con le mani in mano, Leigh Padley l’ottimo bassista, si era impegnato in un nuovo progetto i Social Haul, mentre il batterista Adam Stock, aveva iniziato un percorso di sperimentazione con i sintetizzatori.

La band si è ritrovata insieme nell’estate del 2020 e si è trattato di un nuovo inizio, i ragazzi che avevano provato a riscrivere il post punk e ispirato band del livello di Idles non esistevano più, oggi ci troviamo di fronte un nuovo inizio che è anche una rivoluzione.
I TRAAMS non sono una band facile, nel dire questo non intendo dire che siano così difficili da capire e scardinare, ma che fanno parte di quelle band un po’ fuori dal tempo, che poco concedono all’attuale tipologia di fruizione musicale.
Oggi tra addetti lavori ed utenti c’è la tendenza a bruciare gli album, un giorno o due di ascolto e poi tutto passa nel dimenticatoio perché l’offerta è ampia e la possibilità di ascolto immensa, e quindi si finisce con il passare rapidamente da un ascolto ad un altro.

Questo ai TRAAMS interessa poco, finiamo così con trovarci di fronte un album senza compromessi, che non guarda il mercato ma anzi presenta pezzi, questo in linea con il loro passato, che vanno oltre il formato standard dei brani.
Siamo definitivamente fuori dal post punk, fatta eccezione ad un episodio di cui parlerò successivamente, la band a colpi di chitarra, sintetizzatori e un basso fuori dall’ordinario si muove in maniera psichedelica da Syd Barrett fino ai Radiohead.

Il brano che apre l’album è ipnotico e giustamente intitolato “Sirens”, mentre “Dry” ci fa subito capire come i TRAAMS che ci troviamo di fronte ora sono una band in evoluzione.
“Breathe” vede la partecipazione di Liza Violet dei Menace Beach, lo sviluppano in un tempo superiore ai nove minuti nei quali si muovono con la solita naturalezza e sicurezza tipica delle grandi band, “The Light At Night” è il brano che resta maggiormente ancorato al post punk con la partecipazione di Joe Casey dei Protomartyr, si tratta di una specie di sermone isterico carico di tensione.
Sicuramente da segnalare la splendida “Sleeper” con la partecipazione di Sofie dei Lowly che la esegue in maniera superba in coppia con Stuart Hopkins, “Sheilds” elettronica e carica di sintetizzatori e infine “Comedown”, il brano che chiude l’album, con il grande basso di Padley, un pezzo a tratti quasi alla Radiohead.

I TRAAMS tornano con un album che è un’evoluzione del loro sound e si mostrano in tutta la loro qualità, una band che ha bisogno di continuità e la necessità di non perdere ulteriore tempo.

Photo Credit: Steve Gullick

Tracklist
1. Sirens
2. Dry
3. Breathe
4. The Light At Night
5. Sleeper
6. Sheilds
7. Hallie
8. Comedown
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments