HATER
Sincere

[ Fire - 2022 ]
7.5
 
Genere: indie-pop,lo-fi pop
 
12 Agosto 2022
 

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora una volta dalla sempre puntuale label londinese Fire Records.

Registrato lo scorso anno a Malmö, il disco è stato prodotto dal loro collaboratore di lunga data Joakim Lindberg e poi mixato e masterizzato dalle preziose mani di John Cornfield (Ride, Muse, The Stone Roses, Robert Plant): “Sincere” vede per la prima volta la partecipazione anche dei due nuovi componenti della formazione svedese, il bassista Frederick Rundquist e il batterista Rasmus Andersson, sezione ritmica della band post-punk Fews.

Proprio questo cambio di line-up potrebbe aver causato l’aumento di energia all’interno del loro sound, che ora è più grezzo e diretto rispetto al passato.

Sin dalle prime note dell’iniziale “Something” il suono degli Hater sembra pulsare maggiormente, dimostrando una certa urgenza che prima non era così evidente; allo stesso tempo i vocals della frontwoman Caroline Landahl risultano più malinconici e cupi in confronto a ciò che avevamo ascoltato da lei nei lavori precedenti.

I ragazzi di Malmö non hanno però perso il loro magico tocco pop, come dimostrano per esempio in “Summer Turns To Heartburn”, che ci regala un magico e melodico coro, anche se la voce della Lundahl ha un non so che di amaro, mentre la chitarra di Måns Leonartsson è libera di agire, costruendo intensi assoli che non ci appaiono assolutamente scontati.

Discorso a parte va fatto per “Far From A Mind”, che ci porta su territori post-punk intensi e incisivi con la sezione ritmica in grande evidenza, mentre Caroline continua a disegnare melodie dal sapore magico.

“Brave Blood”, invece, prova a spostarsi su paesaggi sonori shoegaze dalle influenze ’90s, dove la chitarra di Leonartsson, pur dal suono cupo, tende a spingere verso l’alto, mentre la voce della Landahl rimane comunque melodicamente gentile, sebbene piuttosto scura.

“Sincere” vede gli Hater muoversi in numerose direzioni con buona intensità e senza paura: se ora questi svedesi sono senza dubbio più rumorosi e aggressivi rispetto a prima, non mancano però di quella loro vena pop che tanto ci piace.

Photo Credit: David Möller

Tracklist
1. Something
2. I’m Yours Baby
3. Bad Luck
4. Proven Wrong
5. Brave Blood
6. Far From A Mind
7. Summer Turns To Heartburn
8. Renew, Reject
9. Hopes High
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments