JAMIE T
The Theory Of Whatever

[ Polydor - 2022 ]
8
 
Genere: indie-rock,indie-pop,rap-rock
Tags: ,
 
12 Agosto 2022
 

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e riscrivendole mentre era rinchiuso nel suo home-studio nell’Est di Londra. “Ho lottato per alcuni anni per trovare la mia direzione”, ha spiegato il menestrello di Wimbledon, che poi è riuscito a ridurre i suoi pezzi fino a quei tredici che compongono “The Theory Of Whaterver”.

Questo viaggio di una quarantina di minuti inizia con “90s Cars”, un tuffo nella nostalgia tra rap e melodie leggere e tranquille: chitarre e tastiere descrivono un tono rilassato che lascia il segno con quel suo coro piacevole quanto malinconico (“I was so young”, canta Jamie Treays).

La successiva “The Old Style Raiders”, invece, sembra avere uno stile più classico per quanto riguarda le sue sonorità: energia chitarristica, ottime sensazioni melodiche e un coro esplosivo che sarà sicuramente una garanzia di pogo nei suoi prossimi concerti.

“Keying Lamborginis”, invece, sperimenta con synth, piano e beat e presenta un rap più duro e old-school, ma allo stesso tempo è una pur particolare lettera d’amore.

“A Million & One New Ways To Die” poi mostra la faccia più punk del musicista di Wimbledon con quelle chitarre rumorose e quel ritmo incalzante e ci ricorda le cose più energiche di Frank Turner.

“St. George Wharf Tower” prende ovviamente ispirazione dalla sua amata Londra, in cui Jamie T trova un certo senso di poesia, seppur combinato insieme a un velo di malinconia, mentre la sua sei corde regala momenti estremamente riflessivi e dolci.

“Talk Is Cheap” permette a Treays di cantare accompagnato solamente da una chitarra acustica: sebbene la strumentazione sia decisamente basilare, le sensazioni che lascia, che vanno dalla tristezza alla nostalgia, sono comunque molto toccanti.

Pur con i suoi tempi (probabilmente allungati anche a causa della pandemia), Jamie T è riuscito a costruire un disco molto gradevole, variegato e fresco e allo stesso tempo pieno di spunti interessanti, dimostrando come la sua vena creativa sia sempre ricca e gli permetta di progredire a ogni nuova uscita.

Photo Credit: Will Robson Scott

Tracklist
1. 90s Cars
2. The Old Style Raiders
3. British Hell
4. The Terror Of Lambeth Love
5. Keying Lamborghinis
6. St. George Wharf Tower
7. A Million & One New Ways To Die
8. Thank You
9. Between The Rocks
10. Sabre Tooth
11. Talk Is Cheap
12. Old Republican
13. 50,000 Unmarked Bullets
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments