DANGER MOUSE & BLACK THOUGHT
Cheat Codes

[BMG - 2022]
8
 
Genere: Hip hop, elettronica
 
16 Agosto 2022
 

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il progetto non è mai veramente decollato per gli impegni da produttore di Burton e quelli di Trotter con i The Roots e da solista. La possibilità di vederli insieme sembrava definitivamente tramontata anche se Black Thought nel 2018 non era sembrato totalmente pessimista sul futuro musicale di una partnership tutta da inventare.

Ci sono voluti altri quattro anni per avere a portata di mano e d’orecchio “Cheat Codes”, che originariamente doveva intitolarsi “Dangerous Thoughts”. Un album in cui i due chiamano a raccolta un buon numero di colleghi e amici affidandogli strofe e parti senza badare a spese, includendo anche una notevole quantità di sample a partire da “Love Without Sex” di Gwen McRae che apre “Sometimes”, un crossover soul che profuma di passato, contagiando anche la title track, la scintillante “No Gold Teeth” e la conclusiva “Violas & Lupitas”.

La sensazione è quella di trovarsi di fronte a un dream team che fa della concretezza vecchia scuola la propria bandiera, una mentalità che unisce diverse generazioni e tralascia spesso (ma non sempre) il dissing duro e puro per una competizione altrettanto vivace che coinvolge Raekwon & Kid Sister in “The Darkest Part” e Michael Kiwanuka in “Aquamarine” entrambi brani co – prodotti da Inflo, i combattivi A$AP Rocky & Run The Jewels in “Strangers”, Joey Bada$$, Russ & Dylan Cartlidge nella melodica “Because” e Conway the Machine in “Saltwater” senza dimenticare il contributo postumo di MF DOOM.

Parola d’ordine dinamismo dunque, senza divismi, all’insegna del fair play e del gioco di squadra. Il ricercato reticolo di suoni tipico delle produzioni Danger Mouse fa da contrappunto al flow intelligente di un Black Thought che ruba la scena dimostrando di essere uno degli artisti più inflessibili, provocatori e ispirati in circolazione, mai così introspettivo come in “Identical Deaths”. Un punto d’arrivo per Burton che ha sempre considerato Tariq Trotter un modello a cui ispirarsi. Il producer e il rapper danno vita a un album variegato e compatto, che non avrà forse il potere d’ipnotizzare le masse (anche se potrebbe e dovrebbe) ma saprà raggiungere le menti giuste.

Tracklist
1. Sometimes
2. Cheat Codes
3. The Darkest Part (feat. Raekwon & Kid Sister)
4. No Gold Teeth
5. Because (feat. Joey Bada$$, Russ & Dylan Cartlidge)
6. Belize (feat. MF DOOM)
7. Aquamarine (feat. Michael Kiwanuka)
8. Identical Deaths
9. Strangers (feat. A$AP Rocky & Run The Jewels)
10. Close To Famous
11. Saltwater (feat. Conway the Machine)
12. Voilas & Lupitas
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments