OGGI “KILL THE MOONLIGHT” DEGLI SPOON COMPIE 20 ANNI

 
20 Agosto 2022
 

Ogni band ha la sua pietra miliare, quell’album che ha segnato la svolta definitiva nella carriera. Gli Spoon di Britt Daniel di fasi ne hanno attraversate diverse ma il disco spartiacque per loro è stato senza dubbio “Kill The Moonlight” uscito a fine agosto di venti anni fa. Il momento chiave, quello in cui l’abbandono delle rumorose asperità dell’esordio “Telephono” già iniziato con “Girls Can Tell” è diventato definitivo.

Parola d’ordine melodia e in questi trentaquattro minuti ce ne sono di pregevoli ed emergono come mai prima grazie ad arrangiamenti minimali, canzoni snelle e ammiccanti, dinamiche. Dodici brani nati in un appartamento di New London (Connecticut) ascoltando “Suburban Light” dei The Clientele che nel tempo hanno evocato paragoni di ogni tipo, dai The Kinks ai Suicide ai Wire a Elvis Costello idolo totale del buon Britt.

Canzoni capaci di fugare ogni dubbio sulla solidità del sodalizio DanielJim Eno con alcune aggiunte esotiche (la darabouka di Brad Shenfield, il sassofono di Matt Brown) tre bassisti (il solito Josh Zarbo, Roman Kuebler e John Clayton) il misterioso Eggo Johanson (in realtà lo stesso Britt Daniel) a tamburino e tastiere e la produzione essenziale di Mike McCarthy impegnato in quel periodo anche in “Source, Tags & Codes” degli … And You Will Know Us by the Trail of Dead.

Impeto rock, anima pop, grinta live rendono tutt’ora significativa e forse irripetibile la sintesi ottenuta dagli Spoon nella super hit “The Way We Get By” (notorietà dovuta anche all’inclusione nella colonna sonora di “The O.C.”) o in “Jonathan Fisk”, “Small Stakes” e “Paper Tiger”. “Kill The Moonlight” li ha fatti diventare una band cool almeno quanto il falsetto di “Stay Don’t Go”. Divertente, pieno di groove, con un gran brano che chiude i giochi in malinconico crescendo (“Vittorio E.”) è uno di quei dischi che hanno il lusso di non avere età.

Spoon – Kill The Moonlight
Data di pubblicazione: 20 agosto 2002
Registrato: gennaio – marzo 2002 The Garage (Austin, Texas)
The Catacomb (Portland, Oregon)
Tracce: 12
Lunghezza: 34:50
Etichetta: Merge / 12XU
Produttori: Britt Daniel Jim Eno Mike McCarthy

1. Small Stakes
2. The Way We Get By
3. Something to Look Forward To
4. Stay Don’t Go
5. Jonathan Fisk
6. Paper Tiger
7. Someone Something
8. Don’t Let It Get You Down
9. All the Pretty Girls Go to the City
10. You Gotta Feel It
11. Back to the Life
12. Vittorio E.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Morrissey : is there an album that ...

Da dove partiamo? Iniziamo dall’antefatto. Fino al 2021 Morrissey non trovava un’etichetta che volesse pubblicare il suo album già ...

Oggi “Pink Flag” dei ...

I Wire di Colin Newman legittimamente si sono conquistati un posto d’onore nella storia del rock, pur non godendo di grandi riscontri sul ...

Oggi “Thriller” di Michael ...

Quarant’anni dall’uscita di “Thriller”. Che dire? Su questo disco si è scritto di tutto e di più dal 1982 a oggi. C’è forse ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Left of the ...

Venticinque anni fa con il suo album d’esordio irrompeva nella scena musicale, bucando gli schermi di mezzo mondo, la dolce cantante ...

Recent Comments