WORKING MEN’S CLUB
Live @ Circolo Magnolia (Segrate, 13/09/2022)

 
14 Settembre 2022
 

Stasera finalmente a Milano uno dei progetti rivelazione di questo inizio di anni venti, i Working men’s club, collettivo giovanissimo di stanza a Manchester, dove tra l’altro militava nella primissima formazione la bresciana Giulia Bonometti, meglio conosciuta come Julia Bardo, in licenza internazionale con il suo “Bauhaus L’appartamento” uscito lo scorso anno per la blasonata Witchita, non proprio una cosa che capita tutti i giorni ad un’artista italiana.

Dicevo Working men’s club finalmente in Italia, dopo un paio di posticipi, per presentare i due album in cascina, l’omonimo del 2020 e il sophomore “Fear fear” uscito da poco sempre per Heavenly.

New wave, post punk, elettro, synth pop e una pennellata di kraut a sostenere un songwriting, che lo diciamo subito, è uno dei più interessanti degli ultimi anni. È quella cosa che arriva subito all’orecchio, il talento di catturare le melodie vincenti quanto efficaci, con la voglia e la capacità di essere anche assolutamente popular, e Minsky-Sargeant, leader carismatico ed eccentrico, ha l’attitudine di coloro i quali fanno la differenza come la tradizione britannica ci ha spesso abituato.

Sono, apparentemente, una sorta di risposta sintetica ai Fontaines d.c. anche per una certa somiglianza voluta o meno dei due leader.

Il live al Magnolia che li ospita stasera, per una delle ultime date estive, è una rasoiata senza pause e rigorosamente senza bis come il dogma punk / hardcore insegna.

Formazione a quattro anche cinque per qualche frangente e sound da girone infernale, va detto che non tutto è perfetto, in particolare le voci sono in modalità shoegaze, quindi posizionate dentro un impasto sonoro che le sommerge a tratti. Dicevo ensemble giovanissimo, con la capacità dei veterani anche se, probabilmente, qualche anno in più di esperienza porterà sicuramente del valore aggiunto.

Mi sento di scommettere a mani basse su una svolta ai piani alti nel filotto di quelli che contano davvero, perché come detto sopra oltre alla riot giovanile e le indubbie capacità produttive, ci sono le canzoni belle che, di solito, portano lontano lontano.

Setlist abbastanza scontata per il materiale finora licenziato , quindi si apre con “Valleys” fino a “Teeth” passando per “Widow” o “Money Is mine” o perché no attraverso i 10 minuti di “Angel”. Un’ora di set preciso e senza fronzoli di circostanza, peccato non ci sia il pubblico delle grandi occasioni, perché qui un posto tra le next big things è prenotato.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Julia Jacklin + Erin Rae – ...

Passa da Milano, precisamente dal solito circolo Magnolia di Segrate, il tour di Julia Jacklin, artista australiana classe 90, capace di ...

Wolf Alice – Live @ Fabrique ...

Passa anche da Milano, per un’unica data italiana il nuovo tour dei Wolf Alice, la band londinese capitanata da Ellie Rowsell, chiude ...

Verdena – Live @ Alcatraz ...

Prima di questa serata, avevo visto i Verdena esattamente 30 volte e, come tutti i fan di lungo corso, ho assistito a performance magnifiche ...

Calibro 35 – Live @ Teatro ...

Le musiche proposte dai Calibro 35, anche quando si tratta delle rivisitazioni dei classici dell’incommensurabile maestro Ennio Morricone, ...

Phoenix – Live @ Alcatraz ...

Ci sono poche band che dal vivo riescono a mantenere quell’umiltà e quella semplicità che da sempre li hanno contraddistinti. Un ...

Recent Comments