PENCEY SLOE
Neglect

[ Prophecy Productions - 2022 ]
7
 
Genere: dreamgaze
Tags:
 
23 Settembre 2022
 

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già pronta a dire la sua in campo dreamgaze. La musica sfaccettata ed emotiva di “Neglect” rappresenta un vistoso ma delizioso paradosso; si muove sempre e costantemente sulla sottile linea che divide il sogno dall’incubo, tra le impronte leggere della dolcissima voce di Diane Pellotieri e il ritmo possente della batteria di Clément Hateau.

Un viaggio tra ombre e luci in cui le sonorità tipiche dello shoegaze si fanno così eteree e impalpabili da scomporsi per poi sciogliersi, fino a perdersi in rigagnoli di suono che bagnano note dal gusto post-metal. La chitarra elettrica, carica di distorsione e riverbero, crea un muro di rumore che non è mai davvero inscalfibile.

Spesso e volentieri, infatti, la fortezza sognante costruita dai Pencey Sloe crolla sotto il peso di una delicatezza tanto intensa da riuscire a infiltrarsi senza fatica tra brani malinconici e dall’animo poliedrico. L’unico punto inamovibile di “Neglect” sta nella tenerezza delle sue bellissime melodie, figlie del dream pop più puro e incontaminato.

Lo stile soave della voce di Pellotieri infonde enorme serenità a tutta l’opera, anche nei suoi momenti più dark e deprimenti. Tutto scorre in tranquillità, tra parentesi di placida introspezione (“Inner”, alcuni passaggi di “What They Need”) e sferzate di energia dominate dai suoni potenti e solenni del post-metal meno cervellotico (“Smile To Zero”, “Neglect”, “Mirror Rorrim”).

Questo continuo e immutabile senso di calma, anche nel mezzo della tempesta, non sempre fa del bene alla musica dei Pencey Sloe; “Neglect” ha qualche problema sui versanti della noia e della ripetitività. Piccoli difetti per un buon album che può vantare la presenza di due ospiti di assoluto prestigio: Neige (Alcest) su “The Run I.” e Justin Broadrick (Godflesh, Jesu) su “The Run II.”.

Tracklist
1. What They Need
2. Smile To Zero
3. Neglect
4. Mirror Rorrim
5. Sigh
6. The Run - Part 1
7. The Run - Part 2
8. Brutal In Red
9. Reversed Backwards
10. Inner
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments