DJO
Decide

[ AWAL Recordings - 2022 ]
7
 
Genere: Psych Rock
Tags: ,
 
30 Settembre 2022
 

Tutti ce l’hanno in mente come il buon vecchio e simpatico Steve di Stranger Things, ma pochi, forse sanno che oltre alla carriera televisiva (o streaming, tbd) c’è un artista che ha capito cosa fare del suo tempo libero. E lo fa particolarmente bene.

Joe Keery, in arte Djo, ha appena pubblicato un album dal titolo “Decide” che contiene 13 tracce marchiate dal suo inconfondibile stile elettronico, new wave, indie ma soprattutto influenzato da grandi artisti come Pink Floyd, Tame Impala, New Order, Pond e via discorrendo.

Non è cambiato molto dal lavoro d’esordio, “Twenty Twenty”, rilasciato nell’oramai lontano 2019 poco prima di una pandemia micidiale. Se all’inizio il tutto è passato in sordina, anche adesso, purtroppo, la notizia di questo nuovo disco non ha segnato l’industria musicale ma solo i fan più accaniti. A cambiare, o meglio ad essere influenzato maggiormente, è ancora il sound che viene impregnato di correnti esterne diverse o simili tra di loro con un pizzico di maturità in più a scaturire dall’artista stesso.

Ogni traccia è sicuramente più cupa, carica di synth e tastiere elettroniche, chitarre elettriche distorte e vocalizzi computerizzati: sembra quasi di sentire un Kevin Parker al microfono certe volte e non la star di Netflix. In “I Want Your Video”, per esempio, il tributo alla band australiana è palese; il primo singolo “Change”, invece, ci fa risentire le stesse atmosfere degli ultimi Pond.

Djo sicuramente è un ragazzo dei nostri tempi e, come tale, sa benissimo come poter promuovere un disco seguendo le mode dei tempi: in particolare per questo, la strategia è stata di cancellare totalmente ogni post della vecchia era per pubblicare nuovi contenuti seguendo un filone anni ’90 in stile televendita Wanna Marchi.

L’album è quindi un grande omaggio al passato più alternativo, al contemporaneo più psichedelico e ad un futuro consolidato. Il vero traguardo, però, è il percorso musicale di Keery che, con questo ultimo disco, lo allontana sempre di più dall’immaginario prettamente televisivo per farlo entrare, maggiormente, negli ambienti strumentali.

Credit Foto: Dana Trippe

Tracklist
1. Runner
2. Gloom
3. Half Life
4. Fool
5. On and On
6. End of Beginning
7. I Want Your Video
8. Climax
9. Change
10. Is That All It Takes
11. Go for It
12. Figure You Out
13. Slither
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments