BENJAMIN BIOLAY
Trash Yé Yé

 
 
27 Novembre 2007
 

[ratings]

La foto di copertina di “Rose Kennedy”, esordio di Benjamin Biolay, racconta tutto quello che c’è da sapere sul cantautore francese. Pontile d’inverno, cielo grigio, spiaggia deserta, lui che malinconicamente assorto fuma una sigaretta riparato dal suo cappotto nero. Fin dagli inizi infatti la musica di Biolay è tutta un’affascinante, intima ed ombrosa costruzione di voce, fiati, chitarre acustiche e pianoforti al servizio di colui che riteniamo sia il miglior rappresentante tra i nouveau chansonnier française.

“Rose Kennedy” resta però il lavoro migliore della discografia del trentaquattrene, il più fresco ed insieme più compiuto, grazie a brani-concept quali “Novembre Toute L’Annee”, “La Monotonie” e soprattutto la commovente “Rose Kennedy”. Il secondo album è un doppio dal titolo “Négatif”, bello e maggiormente aperto a sonorità “altre” rispetto al modello cantautorale di Biolay, rivolto tanto verso icone del passato quali l’immancabile Gainsbourg quanto a stelle nascenti come Keren Ann. Con la giovane israelo-olandese ( che ai tempi onestamente credevo fosse francese… ) partecipa alla stesura della “Biographie De Luka Philipsen”, debutto della Ann, che contiene la splendida “Jardin D’Hiver” poi ripresa dal redivivo ultraottantenne Henri Salvador nell’album “Chambre Avec Vue”.
Il successivo “Home “, condiviso con la moglie Chiara Mastroianni, è un mezzo passo falso registrato, vogliamo credere, più per condividere la propria vena artistica con la moglie che per reale convinzione personale, dacché i duetti del disco convincono ben poco dall’inizio alla fine.

Nel 2005 arriva “A L’Origine”, lavoro che rispetto al passato imbocca in più di un’occasione la strada dell’indie rock chitarristico ( si ascolti in tal senso la traccia numero due “Ma Chair Est Tendre” ), pur mantenendo ben salda l’assorta matrice di chansonnier di razza. Non un mutamento definitivo, ma piuttosto la volontà di misurarsi con altre sonorità, distanti dal classicismo degli esordi ma altrettanto gradevoli e ben confezionate. Nonostante una furba perla come “Mon Amour M’A Baisé”, che strappa lacrime d’amore anche dopo averla risentita mille volte, ed il delizioso duetto retrò con Francoise Hardy “Adieu Trist Amour”, il disco, accolto in modo tiepido dalla critica, vende assai poco rispetto ai precedenti.

Dopo due anni di inquieta riflessioni, da qualche giorno la Virgin ha licenziato “ Trash Yé Yé “, album che ci restituisce un Biolay in gran forma. Messe da parte le chitarre indie e le dub-berie talvolta fuori luogo del precedente, il francese torna a riproporre l’elegante cantautorato degli esordi, una direzione intuibile fin dall’iniziale “Bien Avant”, delicato quadretto folk per chitarra acustica e voce sussurrata. Più avanti ( “Dans Ta Bouche” ) Biolay torna a flirtare con violini e pianoforti – arrangiati in maniera impeccabile – tirando fuori dal repertorio un gioiellino tierseniano come “ Dans La Merco Benz “ , una chanson tormentata quale “La Garconièrre” e i riverberi disco settanta di “Qu’est-ce Que ça Peut Faire”.

Oltre a possedere il classico alone da francese intellettuale, bello e maledetto, che pare uscito da una pellicola della Nouvelle Vague, Biolay dispone – bontà sua – di un talento artistico sopra la medie. Speriamo sinceramente che “Trash Yé Yé” possa farlo apprezzare anche al di fuori dei confini nazionali, dopo quattro album di ottimo livello se lo meriterebbe decisamente.
Bonne chance, chanteur chic.

Cover Album
Band Site
MySpace

Trash Yé Yé [ Virgin / EMI – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: Gainsbourg & Birkin, Francoise Hardy, Coralie Clement, Keren Ann, Joseph D’Anvers, Yann Tiersen, Dominiqué A.
Rating:
1. Bien Avant
2. Douloureux Dedans
3. Regarder La LumiÈRe
4. Dans Ta Bouche
5. Dans La Merco Benz
6. La GarÇOnniÈRe
7. La Chambre D’Amis
8. Qu’est Ce Que ÇA Peut Faire ?
9. Cactus Concerto
10. Rendez Vous Qui Sait
11. Laisse Aboyer Les Chiens
12. De Beaux Souvenirs
13. Woodstock
Tracklist
 

5 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Bel pezzo davvero helmut, tra l’altro molto oltre la recensione del disco. uesta è una piccola e preziosa monografia di un artista che non conosco ancora se non di nome. La curiosità sale, quindi prima o poi mi decidero’ a recuperare qualcosa

la chambre d’amis è una gran canzone…
bella helmut 😉

Bel disco davvero, anche se come ho scritto, per me il migliore resta ” Rose Kennedy “.

Ad ogni modo un autore da tenere in grossa considerazione.

questo disco è b-e-l-l-i-s-s-i-m-o!!
grazie per avermelo fatto conoscere 🙂

Perchè tu sei una romanticona Jag…:-)

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments