CARL CRAIG
Sessions

 
 
4 Marzo 2008
 

[ratings]

Pochi mesi fa ci aveva sedotto di brutto col live della Innerzone Orchestra, a maggio farà tremare le fondamenta del Palazzo dei Congressi di Roma con un live che già si annuncia spettacolare. Nel mezzo, il Signor Carl Craig licenzia queste “Sessions”, il modo più azzeccato per farci risalire il fomento per il concerto passato e l’attesa adrenalinica ( anfetaminica ) per la futura performance a Dissonanze.

Le “Sessions” in questione raccolgono parecchio materiale della prima produzione craighiana, sia sotto vari pseudonimi ( Tres Demented, Paperclip People, 69, il progetto Rhythm Is Rhythm, condiviso con Derrick May ), sia nella veste di remixer di lusso. La sua storia è ben nota: giovane virgulto detroitiano al servizio dei maestri May e Juan Atkins tre lustri fa, pian piano Craig si trasforma in Dj e producer, sfornando, nei primi 90’s, clamorose hit techno spacca-dancefloor. Poi si crea la sua brava etichetta, la storica Planet E Communication, e subito dopo dà vita alla gia’ menzionata Innerzone Orchestra, che nel 1992 licenzia “Bug In The Bass Bin”, qui presente nella extend version di dieci e passa minuti. Il pezzo entra nella storia per essere uno dei primi prodotti in cui il jazz flirta con l’elettronica. Dopo qualche anno, saranno in molti a seguirne l’intuizione ( non a caso il disco esce su Mo’ Wax… ).

Tra remix per chiunque e Dj Set in ogni angolo del pianeta, Craig dà alle stampe pure “Landcruising” e “More Song About Food And Revulotionary Art”, opere costruite su una concezione maestosa e spaziale della techno che poco concede al sudore da pista.

Nei due cd delle “Sessions” c’è tutto Carl Craig: afroamerica a go-go, deliri di synth techno primi anni 90’s, stomp house, spazi siderali ed ipnosi deep. Il primo cd spazia da cose piu’ recenti, tipo il rmx di “Like A Child” per Junior Boys, a inchini devoti verso i tropicalismi che furono ( “Angola” di Cesaria Evora rmx ), da classici del Nostro come “ Oscillator “ ai deliri techno di “Poor People Must Work” , a firma Rhythm & Sound.

Il secondo disco spacca piu’ del primo, ed è un vero trip nei Novanta, a partire dai primi due pezzi firmati 69, proseguendo con l’eclettismo tribale degli X-Press2 e gli urli dei Tres Demented, per finire con il triplo Craig di “Futurelovetheme”, “Sandstorm” e “Bug In The Bass Bin” a chiudere il lotto.

Se ascoltate musica elettronica o avete intenzioni di farlo, fate assolutamente vostri questi dischi. E iniziate a muovere il culo e a far viaggiare la mente.

MySpace
Sessions [ K7– 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Juan Atkins, Kevin Saunderson, Underground Resistance
Rating:

Disc: 1
1. Directions- Busted Trees (Carl Craig ‘Sessions’ Remix)
2. Junior Boys- Like A Child (Carl Craig Remix)
3. Rhythm & Sound- Poor People Must Work (Carl Craig Remix)
4. Chez Damier- Help Myself (Reconstructed by Carl Craig)
5. Paperclip People- Throw (Unreleased Version)
6. Beanfield- Tides (Carl Craig “Sessions’ Remix)
7. Paperclip People- Clear and Present
8. Theo Parrish- Falling Up (Carl Craig Remix)
9. Paperclip People- Oscililator (Original Version)
10. Cesaria Evora- Angola (Carl Craig’s Mix)

Disc: 2
1. 69- Rushed (Original Version)
2. 69- Pyschobeat (Previously Unreleased)
3. Xpress2- Kill 100 (Carl Craig”Sessions” Remix)
4. Tres Demented- Demented (Or Just Crazy) (Original Version)
5. Faze Action- In The Trees ( Unreleased Carl Craig Remix)
6. Tres Demented- Brainfreeze (Carl Craig ‘Sessions’ Mix)
7. Carl Craig- Futurelovetheme (Carl Craig ‘Sessions’ Mix)
8. Carl Craig- Sandstorms (Original Version)
9. Innerzone Orchestra- Bug In The Bass Bin (Carl Craig “Sessions” Mix)

Tracklist
 

5 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Craig è semplicemente Dio quando si tratta di techno ed affini. bella paginetta, a fine settimana faccio mio il disco.

concerto all’auditorium semplicemente fantastico.
Lui è una istituzione della musica elettronica.

Dire che spacca e’ dire poco.

Le Sessions poi sono puro distillato techno anni Novanta…strepitoso, a Dissonanze spaccamo tutto!!!

disco slendido, finalmente sono riuscito a prenderlo. immenso, divino.

minchia Helmut, me ne accorgo solo ora: perchè mai solo 4 stelle?

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments