HINDS
Leave Me Alone

[ Mom + Pop / Lucky Number -- 2016 ]
6
 
Genere: garage-pop
Tags:
 
19 Gennaio 2016
 

In origine si chiamavano Deers, ovvero cervi, ma per la quasi omonimia con la band canadese Dears, hanno dovuto cambiare il loro nome in Hinds, ovvero cerve. Non sono cerve, bensì quattro ragazze madrilene, cresciute a suon di garage rock, di low-fi anni 90 e del mito delle bad girl. Dopo appena due singoli riescono ad esibirsi – qualcuno ci spieghi il perchè – a festival importanti come SXSW e Glastonbury, per poi pubblicare nei primi giorni del 2016 “Leave Me Alone”, l’album di debutto.

“Leave Me Alone” ha un sound estivo, a tratti frivolo, dove si alterna al garage dei “Black Lips” – band di formazione per le Hinds – il jangle-pop dei Let’s Active, per trentotto minuti suddivisi in dodici tracce per una produzione volutamente low-fi e patinata, che si percepisce anche dall’ascolto della prima traccia “Garden”, che le stesse Hinds definiscono “…il brano migliore per l’inizio dell’album…”, con dei riff di chitarra semplici ed efficaci, tanto da diventare anche il primo singolo estratto. Sulla stessa dimensione compositiva troviamo “Bamboo”, “Chili Town” e “Castigadas En El Granero”, dove emerge la naturalezza pop delle Hinds. “Warts” e “Easy” sono brani tenui, dallo stile surf, come l’unico brano strumentale, “Solar Gap”. In “I’ll Be Your Man” i suoni e lo stile ci ricordano molto quello dei The Kills, mentre l’intreccio delle voci delle due cantanti-chitarriste, Carlotta e Ana, in “And I Will Send Your Flowers Back”, le fa accomunare alle The Breeders.

In definitiva Leave Me Alone non è un album entusiasmante o che ascolteremmo più volte di seguito e le Hinds non sono delle pioniere del rock 2.0 al femminile – in buona sostanza sono delle spagnole Thee Headcoatees, la band di Holly Golightly, di cui hanno già coverizzato “Davey Crockett (Gabba Hey)” – anche se a loro modo potremmo reputarle seducenti con il loro non nuovo garage-pop. Pronti a smentirci quando dimostreranno di essere originali.

Tracklist
1. Garden
2. Fat Calmed Kiddos
3. Warts
4. Easy
5. Castigadas En El Granero
6. Solar Gap
7. Chili Town
8. Bamboo
9. San Diego
10. And I Will Send Your Flowers Back
11. I’ll Be Your Man
12. Walking Home
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments