KATE TEMPEST
Let Them Eat Chaos

[ Univarsal - 2016 ]
8
 
Genere: Rap, hip hop, spoken word
Tags:
 
11 Ottobre 2016
 

Londra, le quattro e diciotto del mattino. Un quartiere qualunque, palazzi silenziosi abitati da esseri umani come tanti. C’è Jemma con le sue cattive compagnie. Esther e i doppi turni che la sfiancano. Ci sono Alicia e TY che hanno visto troppo, troppo presto. Pete che è a quattordici porte da casa e quando ci arriva è così sballato da non riuscire a infilare la chiave nella toppa. Bradley: giovane, buon lavoro, single su Tinder, vuoto dentro. Zoe sfrattata dopo che il padrone di casa ha triplicato l’affitto, pronta a lasciare un quartiere che non riconosce più. Ci sono Pious e Rose che si sono trovate solo per una notte. La pioggia improvvisa li unisce per un momento di cui domani resterà solo un lontano ricordo. Ci sono i capoufficio che allungano le mani, gli immigrati e i poliziotti che ammazzano i ragazzi in Inghilterra come altrove. A far da sfondo un’Europa che s’è persa, in cerca d’autore.

Questo è il claustrofobico caos di Kate Tempest. Rapper non convenzionale, scrittrice, cresciuta a pane e Wu Tang Clan con Blake e Shakespeare come secondo. Artista a tutto tondo che si è cimentata col teatro, con la poesia, che usa le parole per denunciare, per capire, per indignarsi (come lei forse solo la M.I.A. dei tempi migliori). Torna con un album, il terzo, che in realtà è un lungo racconto diviso in tredici parti. Vivido, a tratti brutale, con versi essenziali che si innestano su arrangiamenti distorti e ritmi minimali che fanno muovere i neuroni e il sedere anche a chi non vuole sentire. Qualche anno fa c’erano stati i ventenni di “Everybody Down” (tornati di prepotenza riveduti e corretti in un bel racconto chiamato “The Bricks That Built The Houses”). Ora la scena è tutta per una nuova generazione condannata a vedere il mondo da una Londra – fortezza, gli occhi stranamente calmi mentre fuori infuria il rumore della rivolta.

Ascoltando “Let Them Eat Chaos” vengono in mente i PiL e il loro “Metal Box”, i Wu Tang Clan e i Public Enemy per la potenza delle immagini e la forza delle parole pesanti come macigni che Kate Tempest mette in pista. Howard Zinn sosteneva che la storia si racconta parlando delle persone comuni ed è proprio quello che fa Kate Calvert, in arte Tempest. I suoi personaggi non sono reali ma potrebbero benissimo esserlo. E il mondo di oggi lo raccontano meglio di tante dotte disquisizioni.

Credit Foto: Martin Schumann / Wikipedia [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

Tracklist
1. Picture a Vacuum
2. Lionmouth Door Knocker
3. Ketamine for Breakfast
4. Europe is Lost
5. We Die
6. Whoops
7. Brews
8. Don’t Fall In
9. Pictures on a Screen
10. Perfect Coffee
11. Grubby
12. Breaks
13. Tunnel Vision
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments