JERRY CANTRELL
Brighten

[ Warner Music - 2021 ]
8
 
Genere: Rock, folk-rock, rock-blues
 
24 Novembre 2021
 

Torna come solista dopo diciannove anni il grande chitarrista e fondatore degli Alice in Chains, Jerry Cantrell, anche se questa volta lo fa un piglio solare e con vibrazioni decisamente accattivanti e magnetiche. Con “Brighten”, l’immenso Jerry ci regala nove brani che trasmettono enorme tranquillità, serenità, come quella raggiunta dal cinquantacinquenne di Tacoma ma anche tanta ammirazione dovuta alla sua indiscussa destrezza.

Tra le note di “Brighten” si respira un sensazione benefica, curativa e, soprattutto, necessaria perché lungi dall’essere scontato, il buon Jerry confeziona un bella tracklist inaugurata dal singolo apripista “Atone”, un graffiante southern rock su base acustica che probabilmente è l’unico brano che ben potrebbe essere incluso in qualche playlist degli AIC.

Il resto degli episodi, infatti, per poco più di quaranta minuti, sono incentrati sulle sonorità che sconfinano nel classic rock influenzato da un forte matrice folk, blues e country tuttavia mai prevedibile.

La successiva title track, ad esempio, si mostra orientata verso un rock lineare, equilibrato ed a tratti giocoso con le sezioni di hammond che duettano con la seconda voce affidata a Greg Puciato, ex frontman dei Dillinger Escape Plan nonché Black Queen e Killer Be Killed.

Co-prodotto con il compositore e discografico Tyler Bates (Bush, Marylin Manson) e con Paul Fig e mixato da Joe Barresi (Tool, Queens of the Stone Age, Bad Religion, Melvins), in “Brighten” Jerry si è circondato di  un bel gruppetto di amici musicisti – tra cui, oltre al citato Puciato, Duff McKagan, storico bassista dei Guns n’ Roses, i batteristi Gil Sharone e Abe Laboriel Jr., Michael Rozon (pedal steel), Jordan Lewis (pianoforte), Matias Ambrogi-Torres (archi), Vincent Jones (wurlitzer e hammond) e Lola Bates (cori) – che hanno contributo con la loro esperienza e strumentazione aggiuntiva ad arricchire questo secondo lavoro da solista, con risultati di assoluto valore come nel trittico composto dalle note rock di “Had To Know” oppure dai toni variegati di “Nobody Breaks You” piuttosto che nel country-rock di “Dismembered”.

Ma è di sicuro la prima parte dell’album a lasciarsi preferire soprattutto nel momento in cui la citata “Brighten”, apre la scena ad un altro meraviglioso trittico dal quale trasuda maggiormente quel senso di serenità ed appagamento raggiunto da Jerry, che si mostra dapprima con la freschezza di “Prism of Doubt” per poi concedersi alla corposa e ruvida melodia che fuoriesce dal secondo singolo “Siren Song”,  dotata di un inizio acustico che trasmuta in segmenti di  riff distorti. Ma è con “Black Hearts and Evil Done” che il disco probabilmente raggiunge il suo apice, una ballata folk acustica di sei minuti che risuona come un inno di speranza nel cambiamento “Fuori le vecchie cose dentro le nuove/Voglio costruire qualcosa, qualcosa di vivo/…/Voglio sentire qualcosa, qualcosa di vivo”.

I quasi due minuti di “Goodbye”, cover di Elton John contenuta in fondo al suo “Madman Across the Water” del 1971, hanno il compito di calare il sipario su “Brighten”, un album sincero ed autentico dove Cantrell mostra tutto il suo inconfondibile e indubbio stile.

Tracklist
1. Atone
2. Brighten
3. Prism of Doubt
4. Black Hearts and Evil Done
5. Siren Song
6. Had To Know
7. Nobody Breaks You
8. Dismembered
9. Goodbye
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments