BONES AND ALL

Regia di Luca Guadagnino, 2022
 
Genere: Drammatico, sentimentale, horror, thriller, on the road
 
12 Dicembre 2022
 

Oramai Timothée Chalamet è come il prezzemolo: lo trovi ovunque. E sia chiaro, non è un male. Il ragazzo è un vero portento nella recitazione e come al solito riesce a tirar fuori tutta la sua bravura anche nelle panni di un cannibale vagabondo nel nuovo film di Luca Guadagnino “Bones And All”.

Il titolo si riferisce a quello che nel film viene definito “il pasto completo”, ovvero l’iniziazione di un cannibale alla vera vita che gli spetta. In effetti possiamo considerare questo lungometraggio come un racconto di formazione in stile on the road. Per queste ultime due tematiche possiamo già immaginarci lo stile estetico di Guadagnino evolversi alla massima potenza. La tematica del cannibalismo, invece, è un po’ nuova a tutti.

Il regista lo abbiamo già visto in un remake inquietante come “Suspiria”, ma mai a questi livelli: l’adattamento dal libro omonimo può rendere il tutto facile, ma in questo caso preciso vediamo l’artista andare oltre offrendo qualcosa di ancora più terribile e poetico.

Maren (Taylor Russell) è una cannibale alle prime armi, che non sa bene quello che sta facendo nello specifico. Ancora inesperta, si fa trascinare dal desiderio di carne umana e questo per il padre è un problema: gli episodi, ancora sporadici, di cannibalismo della figlia lo porta a dover essere trascinata per tutto il paese sperando che smetta. Questo non accade, e all’ennesimo attentato alla vita (o al dito) di una compagna di classe di Maren, suo padre decide di abbandonarla. Distrutta da questo abbandono, la protagonista si mette in viaggio per trovare e finalmente conoscere sua madre (Chloë Sevigny) rinchiusa in un ospedale psichiatrico. Parte quindi il viaggio: il primo e terribile incontro lo ha con un veterano della carne umana ovvero Sully (Mark Rylance) che riesce a scovarla grazie al fiuto oramai allenato del suo naso. Scappata da casa sua, immaginatevi le abitudini di quest’uomo, incontra Lee (Timothée Chalamet) del quale s’innamora e con il quale inizia il viaggio alla scoperta della sua vera natura. Dopo un incontro sfortunato con la madre, e qua il terribile secondo incontro, Maren decide di rimanere con il ragazzo fino al finale totalmente inaspettato.

Se si possono fare molte comparazioni con altri lavori di Guadagnino ( la serie tv “We Are Who We Are”) o con altri film (“Nomadland” di Zhao), davanti a queste nuove immagini troviamo una grande crasi che, inevitabilmente, divide la critica e i fan: la messa in scena così realistica e dettagliata rende il film una nausea costante, ma alternato alle riprese più dolci ed estetiche il bilanciamento è assicurato.

Un grande sali e scendi di tensione, noia e amore rende, a mio parere, questo film un bellissimo ed inusuale prodotto per il grande pubblico: Luca Guadagnino si è voluto inoltrare in campi più tormentati dell’animo e della natura umana, cercando di trovare e di trasmettere una metafora estrema della diversità in un mondo costantemente fermo e uguale.

Anche chi è debole di stomaco riesce a vederlo, ve lo assicuro: se non consideriamo quella metafora di diversità così stirata e forse poco azzeccata, il film è bello da morire proprio per il suo alternarsi di tensione, brutalità e dolcezza, intimità puramente estetica. Il tutto aiutato, come sempre, dalle grandiose musiche di Reznor e Ross che accompagnano in maniera impeccabile ogni fotogramma.

Chi lo sa se in un futuro, qualora i film su tematiche così forti e lontane a noi continueranno ad essere così delicate, riusciremo ad accettare docilmente queste narrazioni ma nella vita reale.

Paese: Stati Uniti d'America, Regno Unito
Durata: 130 min
Lingua originale: inglese
Soggetto: Camille DeAngelis
Distribuzione in italiano: Vision Distribution
Fotografia: Arseni Khachaturan
Montaggio: Marco Costa
Musiche: Trent Reznor, Atticus Ross

Interpreti e personaggi

Taylor Russell: Maren Yearly
Timothée Chalamet: Lee
Mark Rylance: Sully
Michael Stuhlbarg: Jake
André Holland: Frank Yearly
Chloë Sevigny: Janelle Kerns
David Gordon Green: Brad
Jessica Harper: Barbara Kerns
Tom Brooke: Neil

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

La Vita Bugiarda Degli Adulti

Come sempre in casi come questo, è doverosa la premessa che non ho letto il libro della Ferrante dal quale è tratta questa serie. Allora, ...

The White Lotus – Stagione 2

Sebbene non si tratti proprio di una seconda stagione, perché “The White Lotus” è una serie antologica, la presenza di un ...

Babylon Berlin – Stagione 4

Il prodotto di punta di Sky Germania, nonché uno dei migliori assoluto della storia dell’emittente di Murdoch, arriva alla sua quarta ...

Glass Onion – A Knives Out ...

Mi sorprende leggerne così bene in giro, perchè io questo sequel l’ho trovato odioso. Mentre col primo ‘Knives Out’ ...

Fall

Le vertigini promesse dal film americano, le cui scene più impressionanti sono presto diventate un fenomeno su TikTok, ci sono tutte. Molte ...

Recent Comments