L’ATTIMO FUGGENTE 2 OTTOBRE 2017 (S08E03)

 
9 ottobre 2017
 

Questo lunedì L’Attimo Fuggente non è andato in onda.
Uno dei pilastri di Radio Città Aperta, la radio che ci ospita dall’inizio della nostra esperienza, Amedeo Traversetti, se n’è andato all’improvviso, proprio mentre lavorava in radio, lasciandoci attoniti e addolorati.
Per rispetto nei suoi confronti l’emittente ha deciso di non trasmettere per due giorni e noi dell’Attimo siamo stati pienamente d’accordo. Non c’era proprio lo spirito adatto.

Lunedì prossimo torniamo, naturalmente. Con un po’ di malinconia in più, forse, ma con un’ulteriore spinta a migliorarci e fare bene, visto quanto il nostro Amedeo teneva alla Sua radio.

Questa settimana, allora, condividiamo solo la rubrica 5×7 (Cinque Canzoni per una Settimana), rubrica che occupandosi solo di anteprime e uscite recentissime ha una sorta di data di “scadenza” (ed era pronta prima della cancellazione della trasmissione).
Come al solito buon ascolto e a risentirci lunedì.

5×7Cinque canzoni per una settimana:
Clockwise: Butterbeer, Immigrant, Aldous Harding, Fenne Lily, Lake Ruth

1. L’album di debutto di Immigrant, progetto davvero misterioso, dietro il quale si cela un musicista di probabili origini scozzesi (?), è uscito nel 2002 su Fence Records. Da allora sono usciti una messe di nuovi lavori, i primi ancora per la Fence, poi autoprodotti, ma Immigrant ha continuato a parlare sempre solamente attraverso la sua musica. Il quattordicesimo (se non andiamo errati) lavoro (!) vedrà la luce a fine mese grazie all’etichetta tedesca Oscarson. E, ancora una volta, la musica sarà l’unico veicolo di Immigrant per esprimere le proprie idee e le proprie sensazioni. La intensa “Two Years” ne è una succulenta anticipazione.

2. Davvero non abbiamo più molto di nuovo da dirvi sull’immensa Aldous Harding. Basterà sottolineare che “Elation”, il suo nuovo singolo, è un brano escluso dalla playlist finale del secondo album dell’artista neozelandese, “Party”, uscito in primavera per la 4AD e prodotto da John Parish. Quanti artisti potrebbero permettersi di tenere fuori dal proprio album una canzone emozionante e coinvolgente come “Elation”? Noi pensiamo siano davvero pochissimi.

3. “Winter’s Lesson”, scritto e prodotto con Listening Center, è un nuovo brano dei nostri amati Lake Ruth, trio newyorkese che ha esordito lo scorso anno con l’album “Actual Entity”. È uno dei tre brani inediti che saranno contenuti in “Intervention, Displacement & Return”, raccolta di brani sparsi e inediti che vedrà la luce, in edizione limitata ed esclusivamente su cassetta, per l’etichetta francese WeWant2Wigoler il 14 ottobre, in occasione dell’International Cassette Store Day. Ancora una volta, tra echi sixties, rimandi ai settanta berlinesi, atmosfere alla Broadcast e venerazione per gli Stereolab, il nostro lago preferito non tradisce le aspettative.

4. Fenne Lily, giovane cantautrice di Bristol, in attesa di esordire sulla lunga distanza, rilascia un nuovo singolo, “Three Oh Nine”, brano spesso suonato dal vivo e il primo inciso con l’apporto di una vera e propria band. Grazie alla produzione più corposa, Lily amplia lo spettro sonoro della sua composizione, con bassi profondi, percussioni e tastiere e il ritmo e la profondità che riesce a iniettare nel mix non fa che accrescere l’innato potere della sua voce e mettere ancora più in evidenza i suoi testi incisivi.

5. Che l’indiepop non conosca confini lo ripetiamo fino alla nausea. Ne volete un’ulteriore prova? La Boring Productions, la fantastica etichetta indiepop cinese con sede a Shenzhen! Per loro è appena uscito un album a nome Butterbeer intitolato “Obliviate”. Ci sono 8 canzoni e una si chiama ” Listening To Another Sunny Day Makes Me Forget You “. Dobbiamo dire altro? I Butterbeer sono un duo iformato da Jovi (già negli Atta Girl) e Rye (nei Chestnut Bakery) e l’album è stato registrato due anni fa, ma intanto l’indiepop, oltre a non avere confini, è anche fuori dal tempo.

L’Attimo Fuggente è una trasmissione radiofonica in diretta, condotta da Francesco Amoroso e Raffaello Russo, che va in onda ogni lunedì, dalle 21:00 alle 23:00 su Radio Città Aperta in streaming (http://radiocittaperta.it/onair). Da otto anni, attraverso la radio e la propria pagina Facebook, grazie a rubriche, piccoli speciali e monografie in pillole, tantissime anteprime e novità, ma anche recuperi dal passato prossimo e remoto, coinvolgenti live acustici in studio, L’Attimo Fuggente tenta di dare assoluto ed esclusivo risalto alle emozioni nella musica. Le mode, i generi, il successo, vanno e vengono, ma le emozioni che la musica riesce a regalare rimangono per sempre.

Parafrasando il protagonista dell’omonimo film degli anni novanta: Non ascoltiamo e suoniamo musica perché è carino: noi ascoltiamo e suoniamo musica perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la musica, la bellezza, il romanticismo, l’amore, sono queste le cose che ci tengono in vita.

 

Oggi “Substance” dei ...

Celebriamo oggi i 30 anni dall’uscita di una compilation in realtà molto significativa per la comprensione totale dei Joy Division, band ...

Oggi “Zooropa” degli U2 ...

Verso la fine degli anni 80 il mondo, musicale e non solo, stava riscoprendo e ridefinendo il Rock (e aggiungiamoci un bel ...

Oggi “Michigan” di Sufjan ...

Sono passati esattamente quindici anni da quando Sufjan Stevens, nel giorno del suo ventottesimo compleanno, decise di portarci tutti quanti ...

Oggi “A Saucerful Of Secrets” ...

Lo snobbatissimo “A Saucerful Of Secrets” è in realtà una delle opere più interessanti mai realizzate dai Pink Floyd. A renderlo una ...

Oggi “A Storm in ...

Quando i Verve diedero alle stampe il loro album di debutto, esattamente 25 anni fa (21 giugno 1993), qualcosa di eccitante e sconvolgente ...