OGGI “THE MADCAP LAUGHS” DI SYD BARRETT COMPIE 50 ANNI

 
3 Gennaio 2020
 

Gli artigli circondano il pagliaccio“, scriveva Syd Barrett in uno dei versi di “Terrapin”, brano del suo primo album solista, dalla genesi assai lunga e difficoltosa, “The Madcap Laughs”.

Le persone che ci fanno divertire, che ci distraggono dalla nostra decadente e ripetitiva quotidianità, che possiamo prender facilmente in giro, scambiando – più o meno consapevolmente – la loro fragile sensibilità per debolezza, rifiutandoci di voler riconoscere l’umanità nascosta dietro quella che riteniamo essere semplicemente la loro carica burlesca, le consideriamo, in maniera sprezzante, degli sprovveduti e degli stupidi pagliacci. Ed è altrettanto evidente che in un contesto così competitivo, frenetico, volto totalmente alla creazione ed al consumo di idoli e di mode, come quello attuale, chiunque non riesca a conformarsi ed omologarsi adeguatamente, venga ritenuto strano, bizzarro e diverso; un pagliaccio, insomma, nella cui carne è lecito e naturale infliggere i nostri gelidi ed affilati artigli.

Partecipiamo ed assistiamo ad una farsa al contrario nella quale coloro che indossano una o più maschere deridono coloro che non ne indossano nessuna. Le canzoni di Barrett, nonostante l’apparente leggerezza ed una sorta di romantica ilarità, sono completamente aliene al mondo circostante; evadono da qualsiasi dimensione spaziale e temporale; si distaccano dalla realtà precostituita e rifiutano tutto ciò che appare convenzionale ed obbligatorio. Ma la consapevolezza di non poter comunicare con questo mondo e le persone che ci abitano, si trasforma nella velata malinconia e nella tristezza amara dei giullari e dei cantastorie, cadendo, come un sudario pesante, su qualsiasi sentimento, persino sull’amore: “è inutile nascondere il tuo amore dove non vedo, perché capisco che sei diversa da me” (“No Good Trying”). Parole che si congiungono, idealmente, ai versi di “Dark Globe”: “non ti mancherò? non ti mancherò neanche un poco?

Domande che chissà quante volte ci siamo posti nel nostro ottuso silenzio, nascondendoci dietro il dito storto del nostro stesso orgoglio. Domande rivolte ad una ragazza, ma anche ai propri amici che, adesso, hanno deciso di mettersi in proprio ed andare avanti per la loro strada, tant’è vero che in “Here I Go”, quella stessa ragazza – voce interiore – musa ispiratrice – demone personale – non esita a dare il suo giudizio sbrigativo e sprezzante: “un grande gruppo è molto meglio di te”. Fine della discussione.

Come sempre Syd, come aveva già fatto nel Piper pinkfloydiano, riesce a donare alle sue canzoni un triplice soffio di vita: le sue vicende personali, il nostro rapporto con la società moderna ed un mondo surreale e fantastico, nel quale le aspettative esterne, le proprie ansie, le forzature imposte dall’alto, le pressanti richieste dei padroni, il bisogno d’essere amati ed accettati, la paura della solitudine e dell’abbandono, danno vita a creature sublimi, ma anche a terribili mostri. Gli scenari barrettiani sono abitati da draghi alati ed enormi piovre, da animali parlanti ed uomini buffi; ci sono boschi quieti, ma anche mari tempestosi che il vento si diverte ad agitare.

L’aspetto più doloroso della sua poetica è quello dell’assenza; l’assenza è una creatura abominevole che si impadronisce dei nostri pensieri più intimi, dei nostri sentimenti più fragili e li consuma. Ci svuota della nostra stessa umanità, ci costringe a compiere azioni terribili, è una catena da cui non riusciamo più a liberarci: “quando oggi mi sono svegliato e tu non c’eri a giocare, ho desiderato essere con te” (“Late Night”).

Pubblicazione: 3 gennaio 1970
Durata: 37:41 (lp) – 57:03 (cd del 1994)
Dischi: 1
Tracce: 13
Genere: Psychedelic Rock
Etichetta: Harvest / EMI
Produttore: Syd Barrett, Peter Jenner, Malcolm Jones, Roger Waters, David Gilmour
Registrazione: 28 maggio 1968 – 5 agosto 1969

1 – Terrapin – 5:05
2 – No Good Trying – 3:26
3 – I Love You – 2:30
4 – No Man’s Land – 3:03
5 – Dark Globe – 2:02
6 – Here I Go – 3:12
7 – Octopus – 3:48
8 – Golden Hair – 2:00
9 – Long Gone – 2:50
10 – She Took A Long Cold Look – 1:55
11 – Feel – 2:18
12 – If It’s In You – 2:26
13 – Late Night – 3:11

 

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Diamo un’occhiata alla ristampa ...

L’archivio di Paul McCartney non è vasto e profondo come quello di Neil Young ma si difende piuttosto bene, regalando ogni tanto ...

Oggi “It’s Great When ...

Ci sono dei dischi che hanno già vinto solo con il titolo. Questo esordio dei Black Grape è uno di quelli. Una band capitanata da Shaun ...

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...