BORIS
Fade

[ Fangs Anal Satan - 2022 ]
7.5
 
Genere: drone, doom metal
Tags:
 
27 Dicembre 2022
 

Instancabili Boris. Non è da tutti riuscire a produrre ben tre album in un solo anno. Gli ultimi dodici mesi sono stati ricchi di piacevoli sorprese per gli estimatori della band giapponese. A gennaio l’uscita di “W”, un buon ritorno alle radici shoegaze dominato dalla voce delicata della chitarrista Wata. Ad agosto il terzo capitolo della serie “Heavy Rocks” ci ha riportato verso sonorità decisamente più pesanti, con una marcata attenzione per la psichedelia e le radici settantiane del metal.

Dicembre è il mese di “Fade”, un imponente esperimento quasi totalmente strumentale con cui  i Boris tornano a infilare le mani nei vischiosi fanghi del drone, del noise, del doom e dell’ambient più diabolica. Appena sei tracce per 64 minuti di atmosfere sulfuree, feedback assordanti, accordature bassissime e minimalismo infernale.

Faticoso ma non insopportabile, “Fade” è l’ascolto ideale per chi desidera allontanarsi dal mondo reale per sprofondare in un abisso sì fatto di estrema inquietudine, ma anche di mostruosa bellezza. La tensione si taglia col coltello e, a tratti, i livelli di angoscia sono così alti da farsi asfissianti.

Ma è dolce lasciarsi cadere in questa trance metallica in cui le note della chitarra elettrica sfrigolano, ruggiscono, scavano nel profondo, si sciolgono e si espandono in un deserto di effetti elettronici impalpabili ma incisivi, determinanti nel suscitare emozioni che evocano paesaggi gelidi, spettrali, privi di vita ma davvero enormi.

Un universo terrificante, imbevuto di acido lisergico, in cui tutto è estremamente lento e la batteria è quasi del tutto assente. La maestria e il talento dei Boris, che proprio “giocando” con questi suoni ci hanno regalato in passato alcune delle loro migliori opere (penso ad “Amplifier Worship” del 1998), permette a “Fade” di non essere una tortura insostenibile (come potrebbe sembrare dalle descrizioni fatte finora) ma un’esperienza immersiva che mi sento di consigliare a chi è alla ricerca di un po’ di sano stordimento privo di rischi. Nessuna pace dei sensi: solo annichilimento dell’anima.

Tracklist
1. prologue sansaro
2. chapter 1 gekkou no irie -howling moon, melting sun
3. chapter 2 michikusa
4. chapter 3 (nanji, sashidasareta te wo tsukamu bekarazu)
5. chapter 4 marine snow
6. epilogue a bao a qu - infinite corridor
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments