CIRCA WAVES
What’s It Like Over Here

[ PIAS - 2019 ]
6.5
 
Genere: indie-pop,indie-rock
 
23 Aprile 2019
 

La band indie-pop di Liverpool è ritornata questo weekend con la sua terza fatica sulla lunga distanza – la prima per la PIAS – dopo due brillanti album, l’ultimo dei quali era “Different Creatures”, uscito a marzo del 2017.

Prodotto da Alan Moulder (U2, Nine Inch Nails, Suede, Ride, The Smashing Pumpkins), “What’s It Like Over Here” vede i Circa Waves far crescere il loro suono nel tentativo di cercare una via pop per aumentare la loro visibilità.

Non sempre i risultati in questi casi risultano essere felici: saranno riusciti questi ragazzi inglesi a centrare il loro obiettivo?

Il gruppo di Liverpool aggiunge spesso il piano e soprattutto i synth alle sue dieci canzoni presenti su questo terzo LP: se quella voglia di ricercare una bella melodia rimane, non tutto purtroppo suona come dovrebbe – quantomeno secondo la nostra opinione.

“Times Won’t Change Me” ha qualche elemento pop piacevole, dei bei cori dalle influenze soul, mentre i vocals di Kieran Shudall sono molto intensi; “Me Myself And Hollywood” è malinconica e mette in luce dei graditi profumi tropicali, mentre in “Be Somebody Good” l’uso esagerato e quasi violento dei synth rovina la sensibilità pop mostrata dai Circa Waves in questo brano.

Anche “Motorcade” non delizia certo il nostro palato con il suo uso dei sintetizzatori che si spinge un po’ troppo oltre: è un tentativo di dare uno spirito dancey al brano? Non lo sappiamo, ma la luminosa melodia che i ragazzi di Liverpool hanno creato non sembra giovare di questa aggiunta.

La sensibilità, la dolcezza e quel senso di riflessione rendono “Passport” il miglior brano dell’album, con il suo piano che ci affascina fin dal primo ascolto: una canzone malinconica, ma molto gradevole.

Alla fine di questa mezz’ora rimane un po’ di dispiacere perché i Circa Waves sono bravi come poche altre band nella creazione delle melodie, ma un uso esagerato dei synth e una sovrapproduzione hanno in alcuni punti infastidito il risultato finale, che rimane comunque più che sufficiente: infine, da amanti dell’indie-pop, ci auguriamo che il gruppo inglese torni ad abbracciare la tanto amata semplicità nei suoi prossimi lavori.

Tracklist
1. What’s It Like Over There?
2. Sorry I’m Yours
3. Times Won’t Change Me
4. Movies
5. Me, Myself And Hollywood
6. The Way We Say Goodbye
7. Be Somebody Good
8. Passport
9. Motorcade
10. Saviour
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments