ALICE BOMAN
Dream On

[PIAS - 2020]
8
 
Genere: dream-pop,indie-pop
 
27 Gennaio 2020
 

E’ già da qualche anno che il nome di Alice Boman è sui radar dei principali siti musicali in giro per l’Europa e non solo, ma la musicista di Malmö fino a oggi aveva realizzato solamente un paio di EP, “Skisser” (2013) e “II” (2014), e una manciata di singoli, ma questo weekend è finalmente arrivato il suo atteso debutto sulla lunga distanza.

Inizialmente scritto in isolamento e senza distrazioni nelle campagne svedesi, il disco è stato poi registrato insieme al noto produttore Patrik Berger (Robyn, Charli XCX, Icona Pop, Santigold).

E allora immergiamoci nelle profondità del suo primo LP dalle atmosfere delicate e cinematiche che sembrano uscire dalle morbide nevi scandinave: ascoltando la musica di Alice ci sembra di toccare i fiocchi appena caduti e godere della loro freschezza, ma allo stesso tempo la sua voce ci riscalda dal possibile freddo, donandoci quel senso di intimità che è possibile trovare soltanto in una casa piena di calore.

Si parte con “Wish We Had More Time” e si è subito coperti da un velo di malinconia con quel piano di una tale delicatezza che ti entra nel cuore dopo pochi secondi e ci fa toccare da vicino i sentimenti che la cantautrice ora di stanza a Stoccolma vuole trasmettere: i suoi cori sembrano provenire da fantasmi, ma di quelli che non fanno paura, anzi di quelli che vorresti abbracciare, tale è il calore riescono a emanare.

“The More I Cry” è probabilmente la nostra traccia preferita del disco: sarà per il suo organo tenebroso, sarà per la voce estremamente delicata, sarà per i preziosi panorami sonori che ricordano l’incantevole morbidezza dei paesaggi invernali svedesi, ma il cuore qui ci batte forte.

Ottimi anche i fiati aggiunti alla successiva “Who Knows”, magica e cupa, mentre “Don’t Forget About Me” ci emoziona e ci fa sognare con le sue ottime armonie supportate dal prezioso suono delle tastiere e da un drumming deciso.

“Mississippi” chiude i giochi nella maniera più intima possibile: un pezzo acustico, assolutamente spoglio e semplice a livello strumentale, ma incredibilmente forte nell’emotività grazie alla sempre splendida e dolce voce della Boman.

Un viaggio di poco più di mezz’ora nel mondo magico e fatato di Alice che, sebbene nei suoi testi non nasconda la sua parte malinconica, ci regala sensazioni uniche, intriganti e piene di calore: un ottimo esordio e un disco perfetto contro il freddo e la tristezza dell’inverno.

Photo Credit: Johan Olofsson

Tracklist
1. Wish We Had More Time
2. Heart On Fire
3. The More I Cry
4. Who Knows
5. Don't Forget About Me
6. Everybody Hurts
7. Hold On
8. It's OK, It's Alright
9. This Is Where It Ends
10. Mississippi
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Recent Comments