ROLLING BLACKOUTS COASTAL FEVER
Endless Rooms

[ Sub Pop - 2022 ]
7
 
Genere: Jangle Pop, Indie Rock
 
10 Giugno 2022
 

Nei scivolosi versanti indie odierni, dove l’etichetta spesso tende più a confondere l’ascoltatore che non a darne una reale fotografia (facendo confluire nel calderone artisti anche molto lontani fra loro), gli australiani Rolling Blackouts Coastal Fever rappresentano una sicurezza per coloro che ancora cercano nella musica soluzioni musicali gradevoli all’orecchio e ben confezionate.

I cinque ragazzi di Melbourne, giunti al terzo album dopo i consensi di un pubblico attento e i favori della critica ottenuti dal precedente “Sideways to New Italy”, mostrano grande affiatamento e unità di intenti, nel proporre una formula consolidata – e, senza timore di smentita, poco originale – che funziona benissimo se bazzicate territori in odor di jangle pop.

Sono ancora le fragorose chitarre infatti a farla da padrone in questo piacevole “Endless Rooms”, le senti pulsare, vibrare, intrecciarsi all’insegna del candore e della melodia più cristallina, anche in quegli episodi in cui emergono i muscoli (in tal senso il ficcante uno-due posto in apertura, composto da “Pearl Like You” e “Tidal River” è in grado di stenderti), il tutto innestato in una struttura compatta e omogenea.

L’assenza di singoli memorabili forse farà passare in sordina questo album, ma non si può vivere solo di hype (semmai i RBCF ne siano stati investiti in passato) e sarebbe ingeneroso non concedere loro qualche ascolto.

Certo, la tendenza a non variare di molto il tema potrebbe indurre a una fruizione distratta di queste dodici nuove canzoni, ma così facendo si rischiano di perdere gli echi malinconici alla Decemberists prima maniera di “Blue Eye Lake”, le divagazioni space di “Dive Deep” o il calore partecipato della struggente “Caught Love” e, fidatevi, sarebbe un peccato.

Una menzione la meritano anche la lunare title-track, dilatata e introspettiva, e la più placida e ondivaga “Bounce off the Bottom” che chiude la scaletta con un climax strumentale capace, ancora una volta, di mettere in luce in particolare le qualità dei chitarristi Fran Keaney, Joe White e Tom Russo.

Credit Foto: Nick Mckk

Tracklist
1. Pearl Like You
2. Tidal River
3. The Way It Shatters
4. Caught Low
5. My Echo
6. Dive Deep
7. Open up Your Window
8. Blue Eye Lake
9. Saw You at the Eastern Beach
10. Vanishing Dots
11. Endless Rooms
12. Bounce off the Bottom
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments