THE DARTS
I Love You But Not Like That

[Alternative Tentacles - 2019]
7.5
 
Genere: garage-rock,psych-rock,psych-garage
 
26 Giugno 2019
 

Dopo un paio di EP – riuniti in seguito in un’unica compilation – e il loro debutto, “Me.Ow.”, uscito a settembre 2017, le Darts sono ritornate a fine maggio con questo loro sophomore, realizzato dalla Alternative Tentacles, l’etichetta di Jello Biafra dei Dead Kennedys, che le aveva portate precedentemente in tour con lui.

Alcune novità sono presenti su questo nuovo lavoro, con la chitarrista Michelle Balderrama sostituita da Meliza Jackson e, come da loro stesse dichiarato, nuove influenze quali horror-punk e psych-rock che vanno a sporcare il loro garage-rock dal sapore ‘60s.

“Breakup Makeup” apre i giochi e non possiamo fare a meno di notare immediatamente il poderoso drumming di Rikki Styxx, uno degli elementi fondamentali nell’economia sonora di questa band: l’atmosfera sinistra e la chitarra di Meliza, che si muove rumorosa per tutta la canzone, supportano la voce sempre intensa della frontwoman Nicolle Laurenne.

“Don’t Hold My Hand”, invece, sembra più rilassata e ha un non so che di pop e di quelle band tutte al femminile degli anni ’60, seppure con un tono molto più oscuro, mentre il singolo “Love U 2 Death” ha un sapore più acido e cupo, mentre la voce di Nicolle si fa estremamente sexy.

La farfisa della Laurenne e la sei corde di Meliza sono le vere protagoniste della successiva “New Boy”, un brano intenso, urgente e con un ritornello incredibilmente catchy dai toni psych-rock.

“I Ain’t Cryin” arriva dritta in faccia cattiva e piena di adrenalina, con la Farfisa che aggiunge ulteriore acidità al brano; la conclusiva “Where’s The Rain”, infine, rallenta il ritmo e si sposta su territori desertici e inquietanti sporcati da una leggera psichedelia.

Forse non avrà sempre la stessa intensità rock dei lavori precedenti, ma “I Love You But Not Like That” rimane comunque un lavoro solido e ben suonato e riesce a inserire nuove influenze all’interno del suono delle Darts.

Tracklist
1. Breakup Makeup
2. My Way
3. Don't Hold My Hand
4. I Like You But Not Like That
5. Break Your Mind
6. Love U 2 Death
7. New Boy
8. Thin Line
9. Phantom
10. I Ain't Cryin
11. Japan
12. Where's The Rain
 
 

Paradise Lost – Obsidian

Innanzitutto, facciamo un plauso ai Paradise Lost: con l’opportunità di posticipare l’uscita di “Obsidian” a tempi più felici, ...

Populous – W.

Sembra un quadro cubista la coloratissima copertina creata da Nicola Napoli per “W” (abbreviazione di Woman) nuovo e sesto album di ...

Woods – Strange To Explain

Undici album in quindici anni è una media invidiabile per qualunque band e specialmente per i Woods di Jeremy Earl e Jarvis Taveniere che ...

DASP – L’indipendente ...

I DASP sono una band (in realtà il progetto fa riferimento a Domenico Palopoli) che non teme l’indie italiano, pur facendone parte ...

Perturbazione – (Dis)amore

Mancavano da tempo i Perturbazione, mancavano oltremodo quei Perturbazione che a lungo seppero esprimere il meglio del pop italiano, quello ...