THE STREETS
None Of Us Are Getting Out Of This Life Alive

[Island – 2020]
7
 
Genere: Rap, spoken word
 
17 Luglio 2020
 

Mike Skinner torna al progetto The Streets dopo quasi un decennio e questa è già di per sé una notizia. L’addio mesto e un po’ stanco dopo il buon “Computers and Blues” nel 2011 aveva lasciato in sospeso una carriera che non sembrava giunta a naturale conclusione ma finita improvvisamente a causa dello stress e di numerosi problemi di salute.

Altri progetti hanno tenuto impegnato Skinner in questi dieci anni: ha fatto il DJ, si è messo alla prova con documentari sulla scena rap inglese, ha realizzato nuova musica con The D.O.T, The Darker the Shadow the Brighter the Light, Tonga Balloon Gang. Il ritorno a The Streets è nato dopo un trionfale concerto nel 2018 seguito da singoli, album remix usciti l’anno scorso.

“None Of Us Are Getting Out Of This Life Alive” è un mixtape realizzato in collaborazione con un buon numero di artisti affini e non. Il titolo è puro Mike Skinner, quel tocco di umorismo un po’ macabro che è il suo marchio di fabbrica. Nomi più noti tra quelli coinvolti: Kevin Parker dei Tame Impala nel singolo “Call My Phone Thinking I’m Doing Nothing Better” e gli IDLES nella title track.

Un brusco passaggio quello dallo stiloso sound californiano registrato chez Parker a Los Angeles al ritmo tagliente e distorto sperimentato con Joe Talbot e soci in una delle tracce migliori del disco insieme a “Conspiracy Theory Freestyle”. “None Of Us Are Getting Out Of This Life Alive” è anche una buona occasione per rendere omaggio alla Birmingham dove Mike Skinner è nato ospitando grossi nomi della scena casalinga come Dapz On The Map o Chris Lorenzo.

Costante la ricerca del contrasto tra stili diversi in trentasette minuti voraci e caotici dove l’alternanza tra brani da club (“I Wish You Loved You As Much As You Love Him”, “Phone Is Always In My Hand”) da strada (“You Can’t Afford Me” col talento di Ms Banks, “Eskimo Ice”) e melodia (“Falling Down”) è continua e piuttosto vivace.

Notevole spazio lasciato anche a collaboratori storici come il mancuniano Robert Harvey del collettivo The Six e artisti che Skinner ha preso sotto la sua ala tipo Oscar #Worldpeace o Jimothy Lacoste che di The Streets è praticamente il fratello minore. Un mixtape ambizioso e interessante a conti fatti, anche se non è il capolavoro di cui tutti parlano. L’inizio speriamo di nuove avventure.

Tracklist
1. Call My Phone Thinking I'm Doing Nothing Better (ft. Kevin Parker)
2. None Of Us Are Getting Out Of This Life Alive (ft. Idles)
3. I Wish You Loved You As Much As You Love Him (ft. Greentea Peng, Donae'o)
4. You Can’t Afford Me (ft. Ms Banks)
5. I Know Something You Did (ft. Jesse James Solomon, Eliza)
6. Eskimo Ice (ft. Kasien)
7. Phone Is Always In My Hand (ft. Dapz On The Map)
8. The Poison I Take Hoping You Will Suffer (ft. Oscar #Worldpeace)
9. Same Direction (ft. Jimothy Lacoste)
10. Falling Down (ft. Hak Baker)
11. Conspiracy Theory Freestyle (ft. Robert Harvey)
12. Take Me As I Am (ft. Chris Lorenzo)
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...