THE THRILLS
Teenager

 
 
17 Ottobre 2007
 

[ratings]

Ci sono cose che proprio non si spiegano.
Me ne stò seduto in mezzo ad un odore di sapone caldo quasi devastante su una sbilenca sedia di plastica, di quelle da giardino, davanti a questa fila di oblò neri. Capitano Nemo in una lavanderia a gettone di Brooklyn. Un signor naufragio non c’è che dire, mentre la mia collezione di magliette nere frulla dentro un cestello di metallo.
Ma la cosa che non si spiega mentre ascolto ‘Faded Beauty Queens’ è su quei muri di formica-finto-legno, voglio dire qui e adesso quella cazzo di foto di un cerbiatto in mezzo alle montagne rocciose. Beh non è solo che non c’era altro modo per spiegare perchè ‘Faded Beauty Queen’ mi fà pensare ai cerbiatti, la faccenda molto più complessa è che certe canzoni dentro casa agonizzano, si fanno quasi opache, devi portarle un po’ in giro allora, fargli vedere un po di mondo, anche un po di strada di quella a finestrini spalancati magari finchè è stagione.
‘Let’s Bottle Bohemia’ precedente lavoro dei dublinesi The Thrills quasi mi aveva annoiato al primo passaggio. Poi ci siamo fatti qualche giro assieme, e un po’ tempo dopo devo dirlo, si è dimostrato un gran bel disco.
Ecco ‘Teenager’ non và molto più lontano. Puo anche essere che certe intuizioni che hanno fatto lo stile della band comincino a segnare un po il passo. Ma fate così, portatelo in giro questo disco, vedrete che nelle canzoni di Conor Deasy c’è ancora una sana dose di autenticità. C’è un modo artigianale, molto 70ies nel costruire le melodie e il cantato dove ancora una volta gli agili accompagnamenti alla chitarra di Daniel Ryan sono la struttura sobria ma portante delle loro canzoni.
L’ispirazione non sarà sempre al 110% ma i ragazzi conservano lo smalto senza vere cadute. Manca forse il brivido definitivo, ma tutto sommato anche quelli aiutano più al primo ascolto. Sulla distanza si apprezza la consistenza, e nella ricetta che sarà pure sempre quella della nonna ma forse proprio per questo funziona bene, questo ‘Teenager’ conferma quanto fatto di buono nella precedente discografia dei The Thrills.
Lasciandoci qua e là anche qualche perla, una su tutte seppellita giusto verso fine album, ‘Should’ve Known Better’ fioca ballata con pedal steel e tutto quanto.
Portatelo un po in giro questo ‘Teenager’, lo sapevo dall’inizio che non sarei riuscito a spiegarlo ma, certe canzoni finiranno nel posto giusto al momento giusto.
Ci sono cose che non si spiegano e basta.

Band Site
MySpace
Teenager [ Virgin – 2007 ] – BUY HERE
Similar Artist: The Kooks, Teenage Fanclub, The Byrds
Rating:
1. Midnight Choir
2. This Year
3. Nothing Change Round Here
4. Restaurant
5. I Came All This Way
6. Long Forgotten Song
7. I’m so Sorry
8. No More Empty Words
9. Teenager
10. Should’ve Known Better
11. There’s Joy To Be Found/
The Boy Who Caught All The Brakes
Tracklist
 

3 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Bello leggerti vecchio Just. Io i thrills li holasciati un poco in disparte, ma forsedopo averti letto, quando avro’ voglia di una bella passeggiata mi procurero’ il disco.

Stesso discorso vale per me vecchio Just, io il loro debutto l’ho pure regalato a Giov.

P/s
Stanotte l’ho sognato giov, occupava una casa sfitta. Forse devo smettere di mangiare le cipolle la sera, sto invecchiando.

Mah..se questi sono gli effetti collaterali io rimuoverei completamente le cipolle dalla dieta…non solo la sera…

comunque una volta ero considerato un personaggio rock, ora che lavoro in un sito di musica, dormo in un sacco a pelo in casa di sconosciuti, e vado ogni sera ad un concerto..so diventato ‘vecchio just’…!!! come cazzo se spiega sta cosa…

quando si organizza un weekend londinese? ‘namo npo’…

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments