Carnale e immanente, allo stesso tempo spaziale e spirituale.

Il nuovo disco dei fratelli tedeschi Weissenfeldt, da anni trapiantati a New York, è tutto questo e tanto di più: è soprattutto un lavoro che dovete far vostro. Perchè?
Presto detto: “Earthology” prende Sly & The Family Stone e li getta in una fumeria d’oppio dell’estremo oriente senza lasciarli più uscire, fa incontrare Coltrane e i Can per un’infuocata jam mentre il pianeta implode agonizzante, immagina Madlib che rimonta strumentali vigorosamente post-rock, esilia Kid Creole e i suoi monumentali grooves nell’Africa Nera più incontaminata, sposta Fela Kuti in un tempio Indù e affida a Jah Wobble un ensemble di soli ottoni.
Non bastassero tutti questi fantastici spunti, realizzati con personalità  ed enorme talento, vi sono pure quattro tracce con i featuring di vari mc (noti e meno): quattro meraviglie che suonano come se Mulatu Astatke avesse scelto come backing-band per il suo trionfale ritorno i Roots anzichè gli inglesi Heliocentrics.

Insomma ritorniamo al principio: non lasciate “Earthology” negli scaffali del vostro negozio preferito, ma perdetevi nei suoi tredici pezzi, in cui funk e psichedelia si mischiano e rinascono come world music, la più nobile e poetica che si possa immaginare.

Cover Album

Earthology
[ Now Again – 2010 ]
Similar Artist: Mulatu Astatke & The Heliocentrics, John Coltrane, Can, Madlib, Miles Davis, The Roots, Jah Wobble’s Invaders Of The Heart, Sly & The Family Stone
Rating:
1. Joyful Exaltation
2. Safari Strut
3. Reverse
4. Taisho
5. Sad Nile
6. The Gift

7. Ntu
8. Pamukkale
9. Alin
10. Breakin ´ Through
11. Sem Yelesh
12. Lullaby for Lagos
13. Chich