FLORENCE AND THE MACHINE
Ceremonials

[Island - 2011]
7
 
Genere: Indie - pop
 
16 Novembre 2011
 

Sbucato dal nulla a due anni dall’eccellente “Lungs”, senza mezzi termini uno dei migliori dischi pop del decennio appena trascorso, “Ceremonials” arriva in pompa magna sugli scaffali richiamando a se tutta l’attenzione che la rossa Welch è riuscita, forse un po’ inaspettatamente, a richiamare nel giro di un paio d’anni. Fenomeno pop non più circoscritto agli ambienti più schizzinosi della musica, nel 2011 il personaggio Florence piace e vende bene, aggrappandosi pesantemente all’immagine ormai inflazionata di artista pseudoalternativa ma pur sempre commerciabile che fa sentire più acculturati gli ascoltatori di certa-musica-commerciale e riesce a piazzarsi bene nelle classifiche senza rinunciare a una propria personalità creativa (blablabla Kate Bush blablabla Siouxsie blablabla Björk). E direi che così sono finiti i complimenti.

Andiamo subito al sodo: “Ceremonials” piacerà tantissimo a chi si era avvicinato a Florence durante il boom estivo di un anno fa di “You’ve Got The Love”, ma non per qualche particolare coincidenza astrale. Molto più semplicemente, il team di produttori che le è stato affidato, su cui spicca ingombrantemente la figura di Paul Epworth (autore tra le altre cose di buona parte dell’ultimo disco di colei che contende a Florence la fascia di reginetta del pop colto inglese, la giunonica Adele), ha seguito alla lettera la formula vincente del singolo tentando di riproporla più o meno in ogni frangente del nuovo album. “Ceremonials” ripercorre quindi il filone di “Lungs”, mantenendo intatta la ricetta del successo delle prime hit (inizio pacato, partono le percussioni, climax musicale, Florence ci dà dentro con la voce) in maniera statica, senza nessuna evoluzione, non andando a finire da nessuna parte e finendo per appesantire e annoiare l’ascoltatore. I brani risultano sfiancati già dal primo ascolto, laddove per una malriuscita emulazione di precedenti successi (“All This And Heaven Too”, lo stesso singolo “What The Water Gave Me”), altrove per una propria fiacchezza di base, neanche troppo legata ai vecchi brani (“Seven Devils”, “Never Let Me Go”).

Qualcosa si salva e s’ascolta con gusto: l’epica “Only If For A Night” in apertura e la successiva “Shake It Out”, che seppur rifacendosi molto alla prima Florence si fa apprezzare soprattutto per l’ottimo uso della voce, così come succede in “No Light, No Light”. Molto buona anche “Strangeness And Charm”, bonus track contenuta nella versione deluxe dell’album e abbondantemente proposta nel vecchio tour. Ma la vera sorpresa è “Breaking Down”, forse l’unico spunto di crescita del disco, un po’ Beach House pervasi da un’insolito brio, un po’ Arcade Fire, come a ricordarci le alte potenzialità di un’artista che ha preferito adagiarsi sugli allori.

Photo: Batiste Safont / CC BY-SA

Tracklist
1. Only If for a Night
2. Shake It Out
3. What the Water Gave Me
4. Never Let Me Go
5. Breaking Down
6. Lover to Lover
7. No Light, No Light
8. Seven Devils
9. Heartlines
10. Spectrum
11. All This and Heaven Too
12. Leave My Body
 

8 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

A me il disco piace. Forse più “pomposo” del precedente, di sicuro fatto con più mezzi rispetto all’esordio. Ma non è affatto deludente.

Per niente d’accordo con la recensione.Se questo è sedersi sugli allori che stia pure seduta.Se non avessi letto il nome del produttore non credo avresti scritto le stesse cose.

ma anche no, il nome dei produttori l’ho letto per fare la recensione, la mia idea me l’ero già fatta prima.

non sono d’accordo con la recensione…un disco che spacca e florence ha un grande carisma!

Ascoltato e per metà è bello ma come dici tu è musica che fa sentire acculturati quelli che ascoltano musica pop ritenuta “di un certo livello”. Ultimamente a volte ci casca dentro pure Tori Amos. Non che questo pregiudichi automaticamente la qualità del disco, più che altro mette in dubbio la qualità dell’ascoltatore, ma tutto sommato è diventato un mercato su cui campano molte mediocrità sedicenti indie o pop. Ma Florence è leggermente superiore a questo giro, singoletti a parte.

No comunque non è male, ma era meglio Lungs, senz’altro.

“mette in dubbio la qualità dell’ascoltatore” pfff parole da saggio indiesnob

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments