TROPICAL GOTHCLUB
Tropical Gothclub

[ Third Man Records - 2022 ]
7
 
Genere: garage rock, psych rock, stoner
 
30 Dicembre 2022
 

Si chiama Tropical Gothclub il progetto solista di Dean Fertita, polistrumentista statunitense attivo su molteplici fronti ma noto al grande pubblico come tastierista/chitarrista dei Queens Of The Stone Age e dei Dead Weather. Il suo album di debutto, nato nel pieno della pandemia e registrato in compagnia dell’amico Dave Feeny, non si allontana troppo dalle sonorità esplorate al fianco di Josh Homme e Jack White.

Il legame con Detroit, città di origine di Fertita, è indiscutibilmente molto forte. La base di partenza del disco è infatti il garage rock – ovvero il genere che, tra gli anni ’60 e ’70, si sviluppò proprio nella capitale dell’industria automobilistica americana grazie a band come MC5 e The Stooges (gruppo che Fertita conosce sicuramente più che bene, avendo collaborato con Iggy Pop ai tempi di “Post Pop Depression”).

Il suono acido e distorto delle chitarre elettriche, incontrastate protagoniste dell’opera, si sposa alla perfezione con l’organo, il clavinet e gli svariati sintetizzatori vintage da sempre impiegati dall’uomo che si cela dietro il moniker Tropical Gothclub. L’album sprizza energia e sudore da tutti i pori, forte di una quantità industriale di riff ficcanti ritagliati sui modelli del miglior hard rock d’antan.

Sembra divertirsi un mondo il poliedrico Dean Fertita, autore di un’opera coloratissima che stordisce – in maniera piacevole, intendiamoci – con atmosfere psichedeliche, ritmi incalzanti, citazioni funk, richiami blues e melodie dal gusto aspro, malato ma a loro modo raffinate, come ci dimostrano le più che convincenti parentesi pop dell’album (“Infernal Inside”, “Where The Water Is”, “Double Blind” e “Uniform Looks”).

Alcune tracce del lavoro sono così elettrizzanti da farci sperare in un futuro roseo per il progetto Tropical Gothclub: penso a “Needles”, “Wheels Within Wheels”, “Captivated” e “Future To Follow”. Tuttavia, l’impressione generale è che Fertita, dal punto di vista creativo, non sia ancora riuscito a emanciparsi dalle ingombranti figure di Jack White e Josh Homme, i due chiari riferimenti nella scrittura e nella scelta dei suoni del disco.

Di idee realmente originali ce ne sono poche; le somiglianze coi Queens Of The Stone Age sono così palesi da rasentare il plagio nel caso di “No Wonder”, un bel pezzo ballabile che mi ha fatto subito pensare a “Smooth Sailing” e “Feet Don’t Fail Me”. Con questa piccola critica non voglio di certo sminuire il talento di Dean Fertita che, praticamente da solo, ha scritto e registrato un album molto potente e pressoché privo di sbavature. Diciamo solo che deve ancora trovare la sua via.

Tracklist
1. Needles
2. Wheels Within Wheels
3. Captivated
4. Where There Is Water
5. Infernal Inside
6. No Wonder
7. Death Rattle
8. Double Blind
9. Future To Follow
10. Thunder Towards You
11. Uniform Looks
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments