SHED SEVEN
Instant Pleasures

[ Pias - 2017 ]
7
 
Genere: pop-rock
Tags:
 
13 novembre 2017
 

16 anni d’attesa! Ci hanno fatto aspettare i cari Shed Seven, ma ora eccoli qui, in forma, pimpanti e con tantissima voglia di rimettersi in gioco. Rick Witter e compagni in realtà è da un bel po’ che, almeno in Uk, macinano tour e sold out, ma questa volta oltre ai grandi classici degli anni ’90, nei loro prossimi live, potranno sfoggiare un po’ di brani nuovi e questo per loro è decisamente motivo di vanto. Inutile soffermarsi sulla storia di questa band, vero e proprio simbolo di quello che fu il britpop: il tempo e lo spazio sono tiranni e quindi andiamo a concentrarci su questo Instant Pleasures, che, lo diciamo subito, a scanso d’equivoci, non delude le attese ma nemmeno ci fa gridare al miracolo.

Sarà che forse mi attendevo qualcosa di diverso dalla produzione di Youth, ma sta di fatto che sulle melodie i nostri sbagliano davvero poco o nulla, ma sono i pezzi che vengono eccessivamente sovraccaricati di elementi, risultando a tratti fin troppo pesanti ed eccessivi. L’impressione è che si sia voluto recuperare un po’ tutti gli elementi dei dischi precedenti, come a far sentire l’ascoltatore subito a casa, in modo immediato (ecco il titolo), ma in realtà il sound viene elevato all’ennesima potenza: i cori diventano ridondanti tra accenni gospel e baraonde da stadio, fiati, archi e tastiere praticamente non mancano mai, alternandosi o comparendo pure insieme, andando a tratti a soffocare anche le chitarre. Intendiamoci, è bello poter rivedere tutte le varie anime degli Shed Seven, da quella rock che caratterizzò il lor secondo album a quella più calda e variegata del terzo, ma alla fine forse quello più penalizzato è il volto più semplice e quasi “smithsiano” dell’esordio: per arrivare a una traccia classicamente guitar-pop, senza tanti orpelli, dobbiamo aspettare la canzone numero 10, ovvero “Butterfly On A Wheel”; ecco, questo a mio modo di vedere, è una pecca a cui forse Youth avrebbe potuto mettere rimedio, perché il rischio poteva proprio essere quello che i nostri, vista la lunga assenza avrebbero voluto un po’ esagerare, rendendo  fin troppo “abbondanti” i brani, rischio diventato concreto.

In ogni caso gli Shed sanno scrivere dei ritornelli deliziosi, poco da fare, e che il ritmo salga (“Enemies And Friends”) o che arrivino le doverose ballate come “Better Days” (tutti i brani hanno quella capacità di far riandare il nostro pensiero ad altri classici della band del passato, senza però scadere nel plagio), beh, il colpo vincente spesso arriva e stupirsi di avere un paio di linee melodiche appiccitate al cervello sarebbe inutile: già immaginiamo che quel coro travolgente di “Room In My House” diventerà il prossimo inno ai live di dicembre.

Dopo 16 anni poteva andare molto peggio!

 

 

Tracklist
1. Room In My House
2. Nothing To Live Down
3. It’s Not Easy
4. Said I’m Sorry
5. Victoria
6. Better Days
7. Enemies And Friends
8. Star Crossed Lovers
9. Hang on
10. Butterfly On A Wheel
11. People Will Talk
12. Invincible
 
 

Indianizer – Zenith

Allora, parlare di questa band non è facile per molteplici motivi: sono un calderone di generi mischiati insieme, sono difficili da ...

Winter – Ethereality

Album numero due per il progetto shoegaze di Samira Winter che conferma la sua passione per le distorsioni e gli anni ’90 ...

Lamansarda – Foreign Bodies

Provenienti dalla provincia di Napoli, i Lamansarda nascono nell’estate del 2013 proprio in una mansarda, dove i fratelli Antonio e ...

King Tuff – The Other

Grandi cambiamenti per Kyle Thomas, l’eclettico e avventuroso musicista che si nasconde dietro il nome King Tuff. Una decina d’anni dopo ...

Rainband – The Shape Of ...

Tradizionalismo come se piovesse nel nuovo album della formazione di Manchester guidata da Martin Finnigan. In Italia i Rainband hanno ...