THE END OF THE FUCKING WORLD, STAGIONE 1
Netflix (2018)

7.5
 
 
di
12 marzo 2018
 

Come ormai faccio molto di rado, a causa della brodaglia omogenea e incolore targata Netflix che tanto va di moda, mi sono fatto convincere dall’entusiasmo generale intorno a questa serie e l’ho guardata. Pentito non me ne sono, ma non è il capolavoro di cui tanti hanno parlato.

Complici la brevità degli episodi e della serie nella sua interezza, ma anche due protagonisti completamente fottuti e irresistibili, “The End Of The Fucking World” si lascia guardare molto bene, a tratti addirittura avvince alternando grasse risate (all’episodio di ‘Frodo’ potevo morire) a tenere commozioni.
Molti personaggi sono ben riusciti (il padre di lui, la poliziotta buona), altri sono terrificantemente prevedibili e macchiettistici (il padre di lei, il padre adottivo di lei… poveraccia, tutti a lei i personaggi di merda).

Il messaggio generale è un po’ scontato, nel senso di chiaro dalla prima inquadratura, ma la cosa non inficia particolarmente l’interesse verso il finale, anzi rende intrigante il modo in cui si arriverà all’agognata maturazione.
Un po’ fastidiosa e plateale l’estetica indie spiattellata in ogni inquadratura e nota.

Regia: Jonathan Entwistle, Lucy Tcherniak
Prodotto: Clerkenwell Films, Dominic Buchanan Productions
Scritto da: Charlie Covell
Cast: Alex Lawther, Jessica Barden, Gemma Whelan, Wunmi Mosaku,
Musiche: Graham Coxon
Prima TV originale: Channel
 

Bohemian Rhapsody

Non sono un grande fan dei Queen, men che meno sono un grande fan dei fan dei Queen, una delle razze di fan più terribili al mondo – ...

Gioventù Bruciata

di Dario Ardias Thorre “Sai cosa ha scritto Godard su Nicholas Ray? Nicholas Ray è il cinema” Questa battuta, presente in ...

BlacKkKlansman

Applaudito da molti come l’ultimo capolavoro di un ritrovato Spike Lee, non è l’opera d’arte che si legge in giro, ma ...

Blade Runner 2049

di Dario Ardias Thorre Vedere ‘Blade Runner 2049’, senza nessuna remora per quello che rappresenta ‘Blade Runner’, ...

Nico, 1988

di Dario Ardias Thorre Di solito, tranne rarissime eccezioni, odio i biopic di qualsivoglia genere perchè ne avverto sempre l’olezzo ...