WHITECHAPEL
The Valley

[ Metal Blade - 2019 ]
7.5
 
Genere: deathcore
 
29 Aprile 2019
 

A tre anni di distanza da “Mark Of The Blade”, i Whitechapel tornano a farsi sentire con un album destinato a diventare una tappa fondamentale della loro carriera. “The Valley”, pur non distanziandosi troppo da quelle sonorità deathcore per le quali la band del Tennessee è nota da ormai oltre un decennio, introduce una quantità davvero considerevole di nuovi colori sulla tavolozza.

Che sia in corso un’evoluzione importante nello stile proposto dal quintetto statunitense è possibile evincerlo già dai primissimi secondi dell’apripista “When A Demon Defiles A Witch”, che trae in inganno l’ ascoltatore con un bell’arpeggio di chitarra pulita prima di azzannare al collo con riff assassini e scariche di blast beat. Questo fino al ritornello, nel quale un sempre ottimo Phil Bozeman si destreggia tra le consuete, impressionanti urla gutturali e una linea melodica di grande presa.

È proprio la maggior confidenza dei Whitechapel con un lato “soft” (per modo di dire, sia ben chiaro) che già si era percepito tra i solchi del lavoro precedente a rappresentare la rivoluzione principale di “The Valley”. Quando i cinque di Knoxville non picchiano come forsennati, infatti, i toni si smorzano e si assiste a un cambiamento che nessuno si sarebbe mai aspettato fino a qualche tempo fa. D’altronde, stiamo parlando di gente che ha dedicato un concept album a Jack lo squartatore (“The Somatic Defilement” del 2007) e che davanti al microfono ha un vocalist che canta con la potenza di un David Vincent in fase di digestione.

Bozeman è talmente duttile da potersi permettere di attaccare “Brimstone” con un ringhio feroce – quasi un rutto, a essere sinceri – per poi dimostrare di non avere nulla da invidiare a colleghi del calibro di Corey Taylor in “Hickory Creek” (se la memoria non mi inganna, credo sia la prima vera e propria “ballata” mai realizzata dai Whitechapel) o addirittura Maynard James Keenan nelle strofe di “Third Depht”, un chiaro omaggio all’eleganza rock degli A Perfect Circle.

Tanta varietà per un disco estremamente affascinante, meno pesante rispetto al solito ma di certo non annacquato. Un buon punto di partenza per chiunque fosse interessato ad avvicinarsi al deathcore senza restare traumatizzato.

Tracklist
1. When A Demon Defiles A Witch
2. Forgiveness Is Weakness
3. Brimstone
4. Hickory Creek
5. Black Bear
6. We Are One
7. The Other Side
8. Third Depht
9. Lovelace
10. Doom Woods
 
 

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...

Ultraista – Sister

Viaggi mentali – parte seconda. Ci sono voluti otto anni agli Ultraísta per dare un successore all’esordio omonimo ma “Sister” ...