OGGI “WOLFGANG AMADEUS PHOENIX” DEI PHOENIX COMPIE 10 ANNI

 
Tags:
25 maggio 2019
 

Ricordo con molto piacere questo agile, colorato e spigliatissimo disco dei francesi Phoenix. All’epoca li avevo etichettati come “gruppo da singoli“: deliziosi sulla brevissima distanza ma incapaci di tenere il ritmo su un disco intero, invece con questo quarto album dovetti decisamente ricredermi. “Wolfgang Amadeus Phoenix” è un gioiellino indie-pop dall’inizio alla fine, senza punti deboli o segni di cedimento, che, dopo 10 anni, brilla ancora alla perfezione.

Vediamola così, i primi 3 dischi sono stati propedeutici per arrivare a questo album, in cui la band di Thomas Mars affina alla perfezione le sue armi pop: l’andamento ballabile è elegante, senza spigoli e con il tasso di zucchero calibrato alla perfezione e, sopratutto, le melodie sono appiccicose e cathcy fin dal primissimo ascolto. E’ quindi la scrittura ad essere ispiratissima, creando connubi intriganti tra chitarre sbarazzine e synth luccicanti e sfornando ritornelli da 10 in pagella.

I Phoenix sono così sicuri dei loro mezzi che, praticamente, partono già ai 100 all’ora, con una doppietta pazzesca come “Lisztomania”, in cui il ritmo incalzante la fa da padrone e “1901” in cui pare di sentire degli “Strokes alla francese” con i synth che dettano legge. Una doppietta che potrebbe mettere KO chiunque, anche gli autori stessi che poi sarebbero costretti a mantenere alto il ritmo e la qualità: beh, nessun problema, i nostri cugini transalpini ci riescono alla perfezione. In ambito soleggiato, “Lasso” e “Countdown” seguono il canovaccio mid-tempo in cui la ritmica è sempre studiata alla perfezione per farci muovere i piedi alla grande (ma attenzione, sopratutto nel secondo brano citato, ai cambi di tempo insistenti che creano sempre strutture nuove e avvincenti), mentre l’ebrezza melodica pop ci riempie i polmoni, ma anche quando i toni si fanno appena più morbidi (“Rome” e “Girlfriend”) la cose vanno che è un piacere. Parlavamo proprio di equilibrio prima, lo ribadiamo. Gli ingredienti sono davvero dosati alla perfezione (anche la tempistica, 35 minuti più o meno, perfetto) e quella meravigliosa malinconia dai toni pastello che permea il disco non può non entrarci sottopelle.

C’è anche un colpo quasi teatrale che sorprende. “Love Like a Sunset (Part I)” calca la mano sull’ elettronica: la parte ambient iniziale viene scossa dai synth e dal ritmo che entra in gioco con una chitarra discreta, ma i rumorismi soottofondo non lascerebbero presagire una giornata serena, mentre ecco che “Love Like a Sunset (Part II)” riporta il sole fare capolino dietro alle nuvole, per farci stare subito meglio. Tutto è bene quel che finisce bene.

Data di pubblicazione: 25 maggio 2009
Registrazione: Studio Motorbass Studio (Paris)
Genere: Pop rock
Lunghezza: 37:02
Etichetta: V2 Records
Produttore: Phoenix, Philippe Zdar

1.Lisztomania
2.1901
3.Fences
4.Love Like a Sunset (Part I)
5.Love Like a Sunset (Part II)
6.Lasso
7.Rome
8.Countdown
9.Girlfriend
10.Armistice

 

Oggi “Title Of Record” ...

Il nome della band è lo stesso ma la sostanza è ben diversa. I Filter di quel gioiello oscuro, rabbioso e malsano che era “Short ...

Oggi “Humbug” degli Arctic ...

Sul finire del 2008 gli Arctic Monkeys, già ampiamente sulla cresta dell’onda con il vessillo di nuovi salvatori del rock, decidono ...

Oggi “Monarch (Lay Your ...

Lo chiamano l’album perduto. “Monarch (Lay Your Jewelled Head Down)” è l’esordio di Feist, uscito dieci anni fa per la Bobby ...

Oggi “Grace” di Jeff ...

Il 23 agosto di 25 anni fa usciva “Grace” di Jeff Buckley, un pilastro d’oro della discografia rock degli anni ’90. ...

Oggi “Evanescence” ...

Il mio carissimo amico Enrico non ci poteva credere. Me lo chiedeva ogni volta…”ma come fai ad ascoltare sta roba? Tu ascolti il ...