PRETENDERS
Hate For Sale

[BMG – 2020]
7
 
Genere: Rock
 
31 Luglio 2020
 

Il nuovo album dei Pretenders inizia … con un errore. Un’armonica che non prende la strada giusta nella title track dedicata ai The Damned, una pausa e poi si comincia sul serio. Un contrattempo che fa capire subito lo spirito con cui la band di Chrissie Hynde ha affrontato i dieci brani prodotti da Stephen Street.

Disco numero undici nato dalla collaborazione tra la Hynde e il chitarrista James Walbourne, che vede il ritorno di uno dei Pretenders originari: Martin Chambers alla batteria. Non accadeva dal lontano 2002 (“Loose Screw” per essere precisi) e avere un “vecchio” leone in cabina regia fa bene al quintetto, che già aveva dimostrato di godere di buona salute quattro anni fa con “Alone”.

Rock genuino, scapigliato, tradizionale e impertinente. Non ingentilito né addomesticato dal tempo che passa. Il ritmo varia tra il grintoso senza scampo e il melodico con brio, chitarre in primo piano e romanticismo mai sdolcinato. Divertenti le divagazioni come “Lightning Man” suonata con piglio felpato e basso potente, un approccio di stampo quasi reggae decisamente rischioso.

Il meglio però i Pretenders lo danno quando cavalcano e graffiano come in “Turf Accountant Daddy” con quella linea di sintetizzatore che serpeggia vivace, nella classica e veloce “Didn’t Want to Be This Lonely” o in “I Didn’t Know When to Stop” dove torna la diabolica armonica. Diverse ballate popolano questa mezz’oretta di musica: ben cantata “You Can’t Hurt a Fool”, ancora migliore la blueseggiante “Maybe Love Is in NYC” che Chrissie Hynde padroneggia con stile, intensa “Crying in Public” con piano e orchestra.

I Pretenders continuano imperterriti sulla retta via (che per loro è una cattiva strada ovviamente) dopo quarant’anni di carriera e infiniti cambi di formazione. Non saranno il futuro del rock ma non sono ancora pronti ad esserne il passato né a fargli … il funerale.

Credit Foto: Matt Holyoak

Tracklist
1. Hate for Sale
2. The Buzz
3. Lightning Man
4. Turf Accountant Daddy
5. You Can't Hurt a Fool
6. I Didn't Know When to Stop
7. Maybe Love Is in NYC
8. Junkie Walk
9. Didn't Want to Be This Lonely
10. Crying in Public

 
 

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...

See Maw – A Luci Spente

Non finirà su questi binari il variopinto scenario musicale italiano, scosso nel profondo dalla quarantena – sebbene con qualche ...

The Chicks – Gaslighter

Sono sempre loro: Natalie Maines, Emily Strayer e Martie Maguire. Le (ormai ex Dixie) Chicks tornano col primo album di inediti dal 2006 ...

Kidsmoke – A Vision In The ...

E’ realmente un peccato che gemme indie-pop di tale valore corrano il rischio di passare inosservate. I Kidsmoke sono da parecchio sui ...