FRAN HEALY
Wreckorder

 
 
20 ottobre 2010
 

Diciamoci le cose senza fare troppi giri di parole. Nessuno ascolterebbe questo disco se non conoscesse e apprezzasse già i Travis. È l’affetto che ti smuove, che ti spinge a prenderti quei quaranta minuti e a tuffarti in qualcosa di conosciuto, di familiare, dove ti sentirai a casa e penserai, per l’ennesima volta, ai tempi che furono.

Non ho bisogno di raccontarvi come stanno le cose, conoscere Fran Healy significa conoscere il suo stile compositivo e in “Wreckorder” non c’è nulla di nuovo. Chitarre, giri di piano, melodie, la giusta dose di malinconia e le atmosfere di “The Invisibile Band” e di “12 Memories”. E per non farsi mancare niente c’è anche qualche ospite d’eccezione.

Il buon vecchio Fran duetta prima con Neko Case (avete presente i New Pornographers?) in “Sing Me To Sleep” e poi si avvale della collaborazione di Sir Paul McCartney per la parte di basso di “As It Comes” (una delle migliori tracce dell’album e che per i temi trattati può essere definita come una versione triste di “When I’m Sixty-Four”), ma a parte il colpaccio di questa collaborazione, “Wreckorder” non passerà alla storia. Intendiamoci, il disco è sufficiente e, anzi, guadagna qualche punticino con gli ascolti, ma la mancanza di quei due-tre pezzi veramente forti, un po’ faciloni e radiofonici che tanto ci piacciono e che erano sempre presenti sui dischi targati Travis, è pesante. Non bastano il singolo “Buttercups”, “Anything”, “Fly In The Ointment” o “Holiday” (canzone che più si avvicina allo standard di singolone della band scozzese) per far passare il disco da onesto a buono.

Fran Healy punta ancora una volta tutto sulla tenerezza e si porta a casa il sei politico. Il suo “Wreckorder” è un disco di ballate che fa il proprio dovere: accontenta chi nutre un certo affetto nei confronti dei Travis e fa venire voglia di rispolverare quei vecchi album che quasi quasi ci si era dimenticati di avere, mentre la mente sprofonda nei ricordi. Niente di più e niente di meno.

Cover Album

Wreckorder
[ Wreckorder – 2010 ]
Similar Artist: Travis, Embrace, Keane

Rating:

1. In The Morning
2. Anything
3. Sing Me To Sleep
4. Fly In The Ointment
5. As It Comes
6. Buttercups
7. Shadow Boxing
8. Holiday
9. Rocking Chair
10. Moonshine
Tracklist
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...