banner

PAUL MCCARTNEY
Kisses On The Bottom

29 febbraio 2012

TAGS: ,

Paul McCartney

Un disco nuovo di Paul McCartney nel 2012? Pensavo fosse morto più o meno quarantacinque anni fa e l’avessero sostituito con un impostore o che al limite dopo il recente matrimonio avesse deciso di ritirarsi dalle scene per godersi la vita di coppia con la nuova mogliettina e/o curare le proprie fluenti chiome (le foto di Paul McCartney durante e dopo la cerimonia nuziale sono semplicemente agghiaccianti, aveva una pettinatura che neanche Cesare Ragazzi) ed invece no, è tornato con un disco nuovo che suona in stile jazz anni ‘30 fatto degli standard jazz che il simpatico Paul era solito ascoltare da ragazzino – con la batteria spazzolata, le atmosfere soffuse, il fumo di sigaretta che si taglia col coltello, la voce da crooner ed altre cose così. Mentre lo ascolti ti viene quasi spontaneo cercare il cameriere per ordinare un Martini con un’oliva, ed un po’ ci rimani male quando ti rendi conto che il cameriere non arriva e mai arriverà perché è jazz anni ‘30 e non il Rat Pack, per Dio.

E come suona questo disco del buon Paul? Suona inaspettatamente bene – al netto della mia totale ignoranza degli standard jazz anni ‘30, o forse suona bene proprio per questo. Un disco che piace alla gente che non ne sa e se ne vanta, direi. Certo, McCartney non ha più nulla da dire da almeno vent’anni ed i bei tempi son per lui ormai un ricordo, però mantiene sempre una certa classe anche quando tenta di percorrere sentieri per lui inediti (“It’s Only a Paper Moon”, “Always”, “My Valentine”), sentieri che rappresentano più un divertissement che una reale intenzione di rimettersi in gioco a settant’anni suonati (e ci mancherebbe). Io che mi aspettavo una fotocopia scolorita di “Say Say Say”, “Band On The Run”, “No More Lonely Nights” ed altre sue megahit (che non elenco per questioni di spazio ma che conosco a menadito visto che la mia infanzia è stata segnata dall’ascolto compulsivo di una copia tarlocca del suo “All The Best!” acquistata in spiaggia da un vu cumprà) sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo “Kisses On The Bottom” (notare la delicatezza del titolo tipica di chi ormai può permettersi tutto), ed anche se non grido di certo al miracolo ascolto e riascolto questo disco con il sorriso sulle labbra.

Niente male per essere l’opera di uno morto da così tanto tempo. “Kisses On The Botox” sì, ma con la solita classe.

Kisses On The Bottom
[ Hear Music - 2012 ]
Similar Artist: Frank Sinutria, la colonna sonora di un film di Frank Capra, Paul is Dead, settan’anni e non sentirili
Rating:
1. I’m Gonna Sit Right Down And Write Myself A Letter
2. Home (When Shadows Fall)
3. It’s Only A Paper Moon
4. More I Cannot Wish You
5. The Glory Of Love
6. We Three (My Echo, My Shadow And Me)
7. Ac-Cent-Tchu-Ate The Positive
8. My Valentine
9. Always
10. My Very Good Friend The Milkman
11. Bye Bye Blackbird
12. Get Yourself Another Fool
13. The Inch Worm
14. Only Our Hearts

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Barragán

BLONDE REDHEAD
Barragán

Luis Ramiro Barragán Morfín è stato uno dei più importanti architetti del ventesimo secolo.…

Crush Songs

KAREN O
Crush Songs

C’è una mia amica che ogni tanto mi chiede di mandarle un po’ di…

Coyote EP

GRAMLINES
Coyote EP

Quello che stupisce – mettendosi sulla lunghezza d’onda dei padovani GramLines – è quel…

No Bells On Sunday EP

MARK LANEGAN BAND
No Bells On Sunday EP

La discografia di Mark Lanegan è quasi diventata un labirinto; non è facile ricordarsi…

What’s Inside/The Heart of Seashells?

WONDERFLU
What’s Inside/The Heart of Seashells?

Tre ragazzi francesi e un italiano (alla batteria) compongono i Wonderflu, band parigina che,…

Lazaretto

JACK WHITE
Lazaretto

Jack White è un mago della musica: qualsiasi etichetta si voglia affibbiare all’artista statunitense…

The Physical World

DEATH FROM ABOVE 1979
The Physical World

Il piedino che tiene il tempo, come impazzito. Quell’ “uhu uhu uhu” molto White…

Thesis

KING AVRIEL
Thesis

I want people to understand where I’ve come from. And that’s maybe selfish or…