RYLEY WALKER
Primrose Green

[ Dead Oceans - 2015 ]
7
 
Genere: Songwriting
 
6 Giugno 2015
 

Vent’anni, di Chicago, chitarrista e sognatore come pochi. Ryley Walker ( già considerato nuovo numero uno della scena folkly contemporanea a stelle e strisce) è tutto questo e molto altro ancora. Il suo mondo musicale è fatti di grandi balzi all’indietro, in quel retrò classical cantautoriale americano che disdegna riferimenti al futuro, nel suo disco Primrose green gli anni 60/70 bagnati da Drake, Fahey, Jansch, Jonathan Wilson e certi Pentagle di taglio – per citarne alcuni – sono il, carico emozionale delle dieci tracce, jazzly, folk e blues stretti tra dolcezza e sguardi allucinati per un ascolto rapito e dreaming, un vero colpo di “vento gentile” sulla fronte.

Musica da viaggio, suoni che lubrificano la mente, timbri che spaziano dentro come una fumata d’erba in compagnia, sensazioni rilassanti che sanno di “vissuto” e di libertà e che fanno sound contaminato, contagioso; se il jazzly di “Summer dress” vi scalda, gli odori folk di lontane e ancient terre d’Albione vi fanno immaginare Griffiths bucks blues, i drink freschi tra ritmi e on the road sausalito “Sweet satisfaction” vi fanno sperare o il malinconico fraseggio solitario Hide in the roses vi lascia in bocca una sorsata di amarezza d’amore, allora vuol dire che siete sul disco giusto, un modo come pochi di “andare a zonzo col cuore” senza muovervi d’un millimetro.

Piccolo cameo d’oltre Oceano.

Tracklist
1. Primrose green
2. Summer dress
3. Same minds
4. Griffiths bucks blues
5. Love can be cruel
6. On the banks of the old Kishwaukee
7. Sweet satisfaction
8. The high road
9. All kinds of you
10. Hide in the roses
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...