DUMBO GETS MAD
Thank You Neil

[ Bad Panda/Ghost - 2015 ]
7
 
Genere: Spaceyng
 
11 Dicembre 2015
 

Il duo dei Dumbo Gets Mad “traffica” la propria musica tra Reggio Emilia e Los Angeles, ed è un “sonar” intraprendente che filtra soul, amnioticità spacey, elettronica cool e armoniche jazzly nello stesso istante che gli si da aria, e Thank You Neil è il prodotto di questa “navigazione” sensoriale, altamente multistrato.

Dedicati a Neil Degrasse Tyson divulgatore tv di cosmologia e astrofisica, noto soprattutto per aver riproposto la serie “Cosmos: A Spacetime Odissey” di Carl Sagan, i dodici brani che volano nella tracklist si attaccano in testa come una istantanea, un flash sognante e “fantascientifico” che travalica la realtà intesa come terreno tangibile, musiche e radenti tra gli anni Sessanta e Settanta, quelli presi in prestito da allucinazioni e letture su letture di Urania e similari e che ora rivengono a galla tanto da scoperchiarci ricordi messi a tacere dagli anni.

Disco ben fatto, architettato a dovere e con le ali, il frizzantino Motowns style “Youniverse”, il soulness raffinato “Quasar”, le nebulose gassose di “Andromedian girl”, “Cosmic bloom” e la sinuosità tonda e liquida di “Haters paradise”, garantiscono un proseguo d’ascolto ottimale, specie per chi intende che la gravità è solo una forma dannata di costrizione.

Tracklist
1. Universal guide
2. Thank you Neil
3. Youniverse
4. 340000
5. Quasar
6. Misanthropulsar
7. Orion caos
8. Andromedian girl
9. Cosmic bloom
10. Loosing it
11. Haters paradise
12. Deeper & deeper
 
 

Tomberlin – I Don’t ...

Dopo quasi quattro anni dal suo ottimo debutto full-length “At Weddings”, Tomberlin ritorna con un nuovo lavoro, pubblicato ancora una ...

Blossoms – Ribbon Around the ...

Quando in redazione mi è stato chiesto di recensire l’ultimo album dei Blossoms, dopo che sempre il povero artigiano dello scrivente ...

Rough Enough – Che La Testa ...

Chi ha paura dei Rough Enough? Ormai giunti alla terza fatica dopo “Get Old and Die” e “Molto Poco Zen” i siciliani Fabiano Gulisano ...

Alessandro Fiori – Mi sono ...

Sei anni dopo “Plancton” torna Alessandro Fiori, e lo fa con un lavoro che si presenta come una serie di brani che sembrano quasi essere ...

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...