MISS GRIT
Talk Talk

[Self Released – 2019]
7.5
 
Genere: Indie rock
 
23 gennaio 2019
 

Ragazze con la chitarra crescono. Sorpresi? Non dovreste esserlo. Secondo uno studio commissionato dalla Fender l’anno scorso sembra infatti che metà acquirenti dei più recenti modelli di sei e dodici corde in America e Gran Bretagna siano proprio donne. Miss Grit, all’anagrafe Margaret Sohn, è una di loro e ne va orgogliosa. Poco più che ventenne, quasi laureata alla New York University, una passione bruciante per effetti e pedaliere che ama costruirsi da sola (ma ancora non ha il coraggio di usare sul palco).

Si affaccia nell’affollato mondo della musica con “Talk Talk” un EP che raccoglie un pugno di agguerrite canzoni scritte nell’ultimo anno insieme al compagno d’avventure Charles Mueller. Fonti d’ispirazione dichiarate: St. Vincent, Japanese Breakfast, Mitski, Karen O, Little Dragon, Dirty Projectors e LCD Soundsystem. Un mix d’influenze eclettico che rende la musica di Miss Grit decisamente frizzante.

Margaret Sohn suona chitarra e sintetizzatore, dimostra di sapersi muovere con sicurezza tra stili musicali diversi passando agilmente dall’elettronica ritmata di “Dry My Love” e della title track (che ricorda gli Animal Collective) alla delicatezza con gli artigli di “Please, Be Quiet”. Sa anche scrivere testi decisamente non scontati come succede in “The Bride”. Se il buongiorno si vede dal mattino il futuro di Miss Grit è decisamente roseo.

Tracklist
1. Talk Talk
2. Please, Be Quiet
3. The Bride
4. Dry My Love
 
 

B Boys – Dudu

La scena musicale DIY di New York non conosce il significato delle parole penuria o scarsità, non dobbiamo di certo annunciarlo noi: ...

Bon Iver – i,i

Il progetto Bon Iver era nato come l’espressione non di un leader all’interno di un progetto condiviso, ma come progetto cantautorale. ...

King Gizzard and the Lizard Wizard ...

Prima o poi doveva succedere, era scritto nella carne putrida e nelle carcasse di un ratto in decomposizione che sarebbero passati a far ...

The Hold Steady – Thrashing ...

Sono passati oltre cinque anni dall’album più recente degli Hold Steady, “Teeth Dreams”, uscito a marzo 2014: effettivamente è un ...

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...