MISS GRIT
Talk Talk

[Self Released – 2019]
7.5
 
Genere: Indie rock
 
23 Gennaio 2019
 

Ragazze con la chitarra crescono. Sorpresi? Non dovreste esserlo. Secondo uno studio commissionato dalla Fender l’anno scorso sembra infatti che metà acquirenti dei più recenti modelli di sei e dodici corde in America e Gran Bretagna siano proprio donne. Miss Grit, all’anagrafe Margaret Sohn, è una di loro e ne va orgogliosa. Poco più che ventenne, quasi laureata alla New York University, una passione bruciante per effetti e pedaliere che ama costruirsi da sola (ma ancora non ha il coraggio di usare sul palco).

Si affaccia nell’affollato mondo della musica con “Talk Talk” un EP che raccoglie un pugno di agguerrite canzoni scritte nell’ultimo anno insieme al compagno d’avventure Charles Mueller. Fonti d’ispirazione dichiarate: St. Vincent, Japanese Breakfast, Mitski, Karen O, Little Dragon, Dirty Projectors e LCD Soundsystem. Un mix d’influenze eclettico che rende la musica di Miss Grit decisamente frizzante.

Margaret Sohn suona chitarra e sintetizzatore, dimostra di sapersi muovere con sicurezza tra stili musicali diversi passando agilmente dall’elettronica ritmata di “Dry My Love” e della title track (che ricorda gli Animal Collective) alla delicatezza con gli artigli di “Please, Be Quiet”. Sa anche scrivere testi decisamente non scontati come succede in “The Bride”. Se il buongiorno si vede dal mattino il futuro di Miss Grit è decisamente roseo.

Tracklist
1. Talk Talk
2. Please, Be Quiet
3. The Bride
4. Dry My Love
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...