EN ATTENDANT ANA
Julliet

[ Trouble in Mind - 2020 ]
7
 
Genere: Indie Rock/Pop
 
14 Febbraio 2020
 

C’era un lungo capello nella sua minestra. Subito lo tirò via, fermamente deciso a cercare il resto di quella donna.” No, non è un verso tratto da uno dei dieci brani di “Juillet”, il secondo album della band parigina En Attendant Ana. Esprime però un concetto e quello che potrebbe accaderti mentre ascolti “Down The Hill”, il primo brano del disco. La curiosità di andare oltre quel primo assaggio si fa forte e, come spesso avviene, si è ben ripagati. La band nasce sei anni fa ed il loro debutto “Lost and Found” è del 2018 dopo che la band firmò per Trouble In Mind, non proprio una brutta cosa se vieni notato dalla label di Chicago.

Il quintetto sforna un power pop molto spedito, con chitarre che sprigionano riff veloci in pieno stile C86 con l’aggiunta di una tromba (Camille Fréshou) che rende il loro suono subito riconoscibile. Margaux Bouchaudon è la voce principale del gruppo, oltre a suonare chitarra e tastiere. Una voce soave, a tratti eccellente per un album dream-pop, canzoni eseguite con un inglese personalissimo.

Brani come “In / Out” non possono che farsi voler bene dal primo ascolto con quel bel ritmo farcito da note di tromba che si fanno un po’ sbilenche ed isteriche nel finale e chitarre jangly che sono un’altra caratteristica e specialità della casa. “From my Bruise To an Island” e “When it Burns” che riprende il tema della opener “Down The Hill” sono più introspettive e riflessive. “Enter my Body (Lilith)” è una salutare passeggiata tra impeccabili melodie dove voce, chitarre, tromba e sezione ritmica s’intrecciano perfettamente fino allo splendido finale in crescendo.

Gli En Attendant Ana si fanno più solidi e professionali in questo sophomore. Possiamo attendere Ana sedendoci sull’instabile divano che appare sulla cover dell’album. Anche se dovesse cedere non dovremmo farci del male, anzi, l’ascolto di “Julliet” ci tiene sollevati da terra quel tanto che basta per posarci delicatamente sul quel tappeto, scaldato dal sole di luglio.

Credit Foto: Chloé Lecarpentier

Tracklist
1. Down The Hill
2. Do You Understand?
3. Somewhere and Somehow
4. In / Out
5. From My Bruise To An Island
6. Flesh or Blood
7. Enter My Body (Lilith)
8. Words
9. When It Burns
10. The Light That Slept Inside
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...