MR. BUNGLE
The Raging Wrath Of The Easter Bunny Demo

[ Ipecac Recordings - 2020 ]
7.5
 
Genere: thrash metal, hardcore punk
 
18 Novembre 2020
 

È una reunion assai particolare, quella dei Mr. Bungle. Un omaggio al proprio passato remoto, più che l’inizio di una nuova avventura. Consideratelo pure una sorta di reset perché, a distanza di vent’anni esatti dalla fine, la stramba creatura di Mike Patton, Trey Spruance e Trevor Dunn non riprende da dove aveva lasciato ma riparte dalle origini. Da quel demo tape che, nell’ormai lontanissimo 1986, consentì a una piccola band di liceali di farsi un nome nelle scene thrash e hardcore del nord della California.

Nessun inedito ma tante gradite sorprese: così arrabbiati, veloci e genuinamente metal i Mr. Bungle non li avevamo ancora mai sentiti. Non stupitevi se le undici tracce di “The Raging Wrath Of The Easter Bunny Demo” hanno poco o nulla da spartire con il sound sperimentale e atipico cui ci avevano abituati nei loro lavori precedenti. Quest’album non è nient’altro che un totale rifacimento – con l’aggiunta di una manciata di cover e brani dell’epoca mai registrati precedentemente – di uno sgangheratissimo nastro realizzato da un gruppo di eccitatissimi diciottenni.

Se fosse un film sarebbe il remake ad alto budget e in versione hollywoodiana di un minuscolo cortometraggio girato tra amici. Recuperate la demo originale da YouTube e fate il confronto: con ogni probabilità, la prima cosa che vi salterà all’orecchio è il peso dei trentaquattro anni trascorsi tra un disco e l’altro. I Mr. Bungle del 2020 non sono più delle promettenti leve del rock alternativo, ma dei talentuosissimi professionisti che suonano alla perfezione e possono permettersi tutto ciò che desiderano. Il reclutamento di due miti del thrash metal anni ’80 come Scott Ian (chitarrista ritmico degli Anthrax) e Dave Lombardo (batterista degli Slayer) è quindi da intendersi come un sogno diventato realtà per Patton, Spruance e Dunn, che sembrano divertirsi un mondo nel ripercorrere il loro periodo adolescenziale.

“The Raging Wrath Of The Easter Bunny Demo” non è una minestra riscaldata ma, come già scritto in precedenza, un sincero e appassionato tributo ai primi passi di una carriera che in seguito si sarebbe evoluta in direzioni sempre diverse, senza comunque mai dimenticarsi davvero di quelle radici thrash, punk e hardcore che qui sono in assoluto risalto. O, per esser più precisi, rappresentano la vera e propria spina dorsale dell’opera.

Le devastanti “Anarchy Up Your Anus”, “Raping Your Mind” e “Sudden Death” avanzano spedite come bulldozer col turbo, tra gli assoli indiavolati di Trey Spruance e la batteria schiacciasassi di Dave Lombardo. Mike Patton fugge da qualsiasi tentazione melodica, preferendo mostrarci il suo lato più ruvido e urlato – a esclusione della divertente citazione di “La Cucaracha” inserita a mo’ di collante tra “Hypocrites” e la cover di “Speak English Or Die” dei S.O.D. (qui “tradotta” in “Habla Español O Muere”). Il brano da non perdere si intitola “Eracist”: un riff ultra-accattivante per una parentesi crossover che a qualcuno potrebbe far tornare in mente i Faith No More.

Tracklist
1. Grizzly Adams
2. Anarchy Up Your Anus
3. Raping Your Mind
4. Hypocrites / Habla Español O Muere
5. Bungle Grind
6. Methematics
7. Eracist
8. Spreading The Thighs Of Death
9. Loss For Words
10. Glutton For Punishment
11. Sudden Death
 
 

Elvis Costello – Hey ...

Elvis Costello arriva al suo trentunesimo album, una carriera lunghissima e tantissime straordinarie canzoni: a sessantasei anni, li ha ...

Marco Parente – Life

Marco Parente è uno di quegli artisti che – per una volta a ragione e senza timore di smentita – si possono tristemente ...

Cherry Pickles – The Juice ...

Secondo album per le Cherry Pickles (le nostre ciliegine sottoaceto) che arrivano da Birmingham, la città dell’Aston Villa e dei ...

The Silence – Electric ...

L’animo cosmopolita della Drag City non è certo una novità e neppure l’indole avventurosa dell’etichetta di Chicago capace di ...

Osees – Metamorphosed

Neanche un mese fa è uscito il loro ventiquattresimo album “Protean Threat“e ora ce ne piazzano un altro ancora più forte. Gli ...