MY BLOODY VALENTINE
Live @ ICA – Institute of Contemporary Art (Londra, 13/06/2008)

 
Tags:
18 Giugno 2008
 

Hai finito anche le patatine e ad un certo punto ti rendi conto che quella sedia rosa fluorescente sta cominciando a diventare parecchio rosa. Davvero troppo rosa. E ti stà fissando, sfacciatamente, la maledetta.
Ho pure una mezza idea di chi potrebbe essere la colpa.
Certo due pinte, birre belga dico eh, a stomaco vuoto potrebbero aver contribuito. Ed è lì insomma che capisci che è ora di scollare le chiappe e puntare verso il palco.
Infatti. Hanno aperto da pochissimo quindi impariamo anche questa: fidatevi, sempre, delle sedie troppo rosa.
Ladies & Gentleman benvenuti all’ ICA, venerdì 13 Aprile 2008, Londra. Mi tocca fare sto intro, dopotutto sono al concerto dei My Bloody Valentine. Di nuovo in tour dopo un eternità o giù di lì. E insomma sì, c’è una certa aspettativa nell’aria voglio dire. Al solito c’è anche troppo hype, guardo un paio di tipi che non sta bene fissare la gente lo so, ma se fai attenzione ce l’hanno scritto in faccia “sto qua perchè è figo ed è sold-out”. Miserabili.
Io cerco di assumere un espressione più onesta, tipo “sto quà perchè Helmuth usa le maiuscole e ho il culo di fare un lavoro dove si rimediano biglietti all’ultimo minuto”. Ma non lo faccio. Che è un espressione troppo complessa, io non ho fatto neanche le prove.
In realtà sono soprattutto curioso, di vedere come è che suona negli anni 2000 la band più anni ’90 degli anni ’80. E secondo me in questa frase c’è tutto il senso della faccenda.

Entrano sul palco i My Bloody Valentine, moderato casino, siamo inglesi dopotutto e comunque è un locale che non fà più di 300 posti credo. Grazie per essere venuti al nostro concerto di riscaldamento – sono le prima parole di Kevin Shields. Si perchè queste date all’ICA sono state aggiunte all’ultimo minuto, come reharsal prima del tour vero e proprio. No, non lo so neppure io cosa cambia, sempre concerto è ma tant’è che loro lo vogliono chiamare reharsal, fate pure purchè si suoni.
Shields butta lì due plettrate tanto per vedere se certi led là in basso fanno i colori giusti. E poi boom. “Only Shallow”. Cazzo allora è tutto vero. Quell’effetto marmellata di distorsori e fuzz-box ha ancora il suo buon sapore. Te lo lasci spalmare addosso ed è meglio della nutella. La batteria pista di brutto, basso e chitarra sono ridicolmente alti. Le voci forse un po’ troppo annegate in background.
Ma insomma si galleggia su “Honeypower” e “I Only Said” con quel loop così sgocciolante, concentrico, come increspature in un lago di mercurio. Ti resterà in risonanza in fondo ad un angolo del cervello per le prossime 48 ore.
La prima metà della scaletta si mantiene sulle atmosefere più sognanti e psichedeliche, nella seconda metà forse si accelera un po con una piuttosto memorabile Soon tra l’altro. Si suda, la gente si muove, i distorsori ti prendono di pancia. Insomma funzionano ancora i My Bloody Valentine, stordiscono.
Si è detto tanto, probabilmente troppo di questa band, nell’ultimo ventennio. Rimane anche dal vivo l’impressione che Shields e soci, nella loro carriera, abbiano rischiato tutto all’inizio e forse troppo poco alla fine. Tant’è che infatti la fine prematura è poi arrivata. Quello che potrebbero tirare fuori in studio oggi secondo me è ancora tutto da verificare.

Ma stasera è un bel viaggio a ritroso, per vedere da dove siamo arrivati.
E la deflagrazione finale in coda a “You Made Me Realise”, è in fondo una loro stessa ammissione di ricerca della regressione. I suoni si smontano in riverberi distorti, in un unità di tempo indefinita scandita a plettrate e distorsori dove la musica ti precipita addosso graffiando come sabbia. Neppure musica, è solo suono. Dovresti chiuderti le orecchie, e invece finisce che stringi gli occhi, è una tempesta sonica.
Amen. E’ di nuovo il 2008, usciamo fuori con le orecchie che ronzano, stanotte a dormire con un po del feedback dei My Bloody Valentine appiccicato addosso. E probabilmente qualcos’altro appiccicato in fondo al cuore. O in qualunque altro posto dove la buona musica ha messo radici.

Link:
My Bloody Valentine Official Site
My Bloody Valentine MySpace

MY BLOODY VALENTINE su IndieForBunnies:
Recensione “LOVELESS”

Video From The Nite:
Cigarette in Your Bed

20 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

ma quindi sai pure scrivere tu? Non dici solo cazzate… .

😉

Sin invidia Just, invidia a go go. Finalmente di ritorno da codeste parti, bene bene

Vi comunico ufficialmente che il mio “fantastico” video di “cigarette in your bed” oltre che ce l’ha fottuto Bitchfork ieri evvabbè, oggi è il 43esimo video You Tube più visto in italia…

E non si vede neanche un culo.
Incredibile no?

Ah..e un tizio dall’america mi ha appena scritto per dirmi che ha fatto un remix ripulendo l’audio: http://www.youtube.com/watch?v=Sf1RamB9AnY

Scrivo recensioni per sbaglio e sono già la next big thing del video lo-fi. E’ un Triste Mondo Malato…

Dev’essere stato l’unico video della serata..non c’è altra spiegazione..

Just tu devi ascoltare i consiglio di colui che, in definitiva, resta il tuo supremo caporedattore.

Alla reunion dei MBV nn gli avrei dato una lira, invece mi dici che e’ stato un gran live…

Helmut io come caporedattore di indieforbunnies vedrei piu’ micky.
il tuo gatto.

Si ma infatti, Eccellenza Supremo Caporedattore, le mie perplessità sulla reunion in studio rimangono. Dal vivo come tuffo nel passato hanno fatto al loro porca figura.

Ma tanto mo ve tocca pure il report dei Verdena…per strategia di marketing io lo metterei su il 21. Data dopo il concerto romano. Google è con noi!

Bravo. Just ha strategia. Io voto Just come nuovo caporedattore e Nicky vice. Helmut tu sarai l’addetto all’accusamento di tutto.

minchia gran strategia!!! complimenti per la trovatae per il culo di vedersi gli MBV… se trovate un posto per me in redazione mi fa piacere: mi è sempre piaciuto fare il cestino della carta…

eeeehh si…ah bello…. mo arrivi tu e vuoi subito fare tutte le cose piu’ fighe. Quello lo faccio gia’ io. Trovati un altro ruolo.

Voglio un incarico importante anche io.
Ah, e comunque io sono contro Just, a priori! 😛

p.s. ho appena scoperto che siamo anche su facebbok come gruppo indieforbunnies. Axel sei proprio una volpe…io l ho sempre detto!!!! 😀

il tritacarta è libero come posto? o la macchinetta del caffè? mi accontento del minimo sindacale, ma datemi un lavoro!!!

Mi dicono dal dipartimento Risorse Umane (Axel) che è rimasto un posto scoperto come spugnetta per i francobolli. Non che se ne faccia grande uso nell’era della posta elettronica…ma alla fine viste le richieste…

Mr Morbido, secondo potresti fare il cuscinetto per le emorroidi, dato il nome e insomma si sa troppe ore seduti e lo stile di vita…è un incarico importante. Su cui poggiano le basi del futuro.
E non solo.

si finisce sempre a dire cazzate qui dentro..

 

Kae Tempest – Live @ Locomotiv ...

Kae Tempest attraversa uno spettro di emozioni davvero ampio, toccante ed elettrizzante, passando, con disinvoltura da momenti profondamente ...

Bonobo – Live @ Estragon ...

Ciò che Simon Green – Bonobo – crea con la sua musica, le sue trame elettroniche più incalzanti e quelle che, invece, sono ...

Julia Jacklin + Erin Rae – ...

Passa da Milano, precisamente dal solito circolo Magnolia di Segrate, il tour di Julia Jacklin, artista australiana classe 90, capace di ...

Wolf Alice – Live @ Fabrique ...

Passa anche da Milano, per un’unica data italiana il nuovo tour dei Wolf Alice, la band londinese capitanata da Ellie Rowsell, chiude ...

Verdena – Live @ Alcatraz ...

Prima di questa serata, avevo visto i Verdena esattamente 30 volte e, come tutti i fan di lungo corso, ho assistito a performance magnifiche ...

Recent Comments