FLORENCE AND THE MACHINE
Lungs

[ Island - 2009 ]
 
 
11 Dicembre 2009
 

Questa musica avrebbe lo stesso impatto se Florence Welch non avesse i capelli rosso fuoco, non fosse moderatamente bella, se non avesse un look preraffaellita con tanto di immaginario gotico di sfondo?
Funzionerebbe? Le ragazzine la amerebbero? Nme la amerebbe?
Se fosse scialba, bruttarella, la sua voce sarebbe ancora in grado di entusiasmare la gente? La risposta è si.
Ciò non toglie che sarebbe interessante, e quantomeno inedito per la nuova scena inglese, dare risalto a qualche ragazzina che non abbia tutto un entourage di hair stylists o personal shoppers alle spalle.
Lo so da me che questi sono prodotti prima che voci, e che quest’ossessione per la dimensione estetica della musica è sempre esistita. Ciò non toglie che a volte vorrei ci fosse qualcuno in grado di farmelo dimenticare.

Il fatto è che a me Florence piace pure, sta simpatica. La trovo meno brava e talentuosa di Bat For Lashes, per intenderci, ma mi diverte. Forse dovrei ricordare che anche Kate Bush, e prima di lei Grace Slick, sono state prodotti dell’industria. Che ciò non le ha rese meno brave, o interessanti.
Per questo mi soffermerò sulle cose che di Florence meritano: il respiro, il barocchismo, il virtuosismo live (vedere esibizione ai Mercury Prize di quest’anno). Alcuni testi (“My Boy Builds Coffins”). Alcune cose irresistibili (“Dog Days Are Over”). Altre cose che potrebbero far male (“Cosmic Love”).
Mi soffermerò poi sulle cose di Florence che meritano di meno: “A Kiss With A Fist” (Kate Nash, già visto, grazie. Apprezzo lo sforzo di averci messo qualche chitarra). “You’ve Got The Love”, che alla nostra piace tanto, ma il soul dovrebbe sempre avere una goccia di sangue dentro per essere credibile, e questa canzone non ne ha.

Non c’è niente che non vada in questo album, chiunque di voi lo testerà non potrà fare a meno di ascoltarlo un paio di volte. Da qualche parte tra una traccia e l’altra potreste avvertire un leggero fastidio, come quando a scuola la ragazza in prima fila alzava la mano esattamente due secondi prima di te. Con quella sensazione di intangibilità, di mancata imperfezione che la riguarda mentre tu resti lì a smaniare.
Questo non è un voto politico, te ne rendi conto persino tu dal tuo misero banchetto che Florence l’interrogazione la supera alla grande. Ciò non toglie che ti piacerebbe vederla inciampare quando ritorna al suo posto. Il problema di “Lungs” è questo: non inciampa.
Florence and the Machine ‘next big thing’? Diavolo, questa volta non lo so proprio.

Photo: Fictional Future / CC BY

Tracklist
1. Dog Days Are Over
2. Rabbit Heart (Raise It Up)
3. I'm Not Calling You a Liar
4. Howl
5. Kiss with a Fist
6. Girl with One Eye
7. Drumming Song
8. Between Two Lungs
9. Cosmic Love
10. My Boy Builds Coffins
11. Hurricane Drunk
12. Blinding
13. You’ve Got the Love
 

5 Comments

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

L’ascoltai tempo fa mentre cantava una cover dei Cold War Kids e mi impressionò non poco. Questo debutto,invece , mi ha lasciato un po’ annoiato…quella goccia di sangue che manca in ‘You’ve got the love’, forse manca in tutto il disco. Comunque gran bel pezzo, Claudia. Si’ semp’ a meglio 🙂

danke! deduco che la giovane non sia nella tua Top Ten 09

Eheheh…di poco, ma non sarà nella mia top ten 😀

Stavolta si, “next big thing”. E “Between two lungs” ti prende al cuore come quasi nulla quest’anno è riuscito a fare. Fantastica.

Il mio disco preferito del 2009. Dubito fortemente che nel 2010 un altro disco riuscirà a eguagliare lo stupore suscitatomi da Florence. La gioia un po’ dark di ‘Dog days are over’, l’impatto potente del ritornello corale di ‘Rabbit heart’, le sterzate indie di Between two lungs… Ogni brano ha un suo pregio… e lei dal vivo è veramente unica. ce ne fossero di live-performers come lei!

 

Rigolo’ – Aliante

Freschezza e melodie s’incontrano nel quinto album dei Rigolò, progetto fondato da Andrea Carella e figlio della passata militanza nei ...

Billy Nomates – CACTI

Cambia pelle Tor Maries in arte Billy Nomates e dopo un esordio roccioso e minimale si trasforma, diventando un’artista diversa nel ...

Alosi – Cult

E’ un disco fatto di contrasti forse insanabili ma dotati di una strana armonia il secondo di Alessandro Alosi autore, voce e chitarra de ...

VV – Neon Noir

Lascia un po’ di amaro in bocca questo debutto solista di Ville Valo, cantante finlandese che i più ricorderanno per i trascorsi alla ...

Belle And Sebastian – Late ...

Per iniziare bene il nuovo anno ecco un nuovo LP dei Belle And Sebastian, il loro dodicesimo: la band di Glasgow aveva pubblicato solamente ...

Recent Comments