ROSE ELINOR DOUGALL
A New Illusion

[ Republic of Music - 2019 ]
7
 
Genere: alternative-pop, folk-pop, songwriting
 
15 Maggio 2019
 

Alzi la mano chi oggi si ricorda delle Pipettes, band inglese che fece capolino nelle playlist indie pop di metà anni 2000. Probabilmente nessuno o quasi: il gruppo suonava pezzi zuccherosi dal sapore 60’s, gradevoli ma tutt’altro che memorabili, e nel breve volgere di un paio di album scomparve dalle scene.

Come una fenice britannica dotata di una insospettabile capacità di scrittura e creatività, dalle ceneri delle Pipettes è emersa Rose Ellinor Dougall, che a band sciolta ha iniziato a scrivere pezzi per sé e a collaborare con superstar come Mark Ronson, con un certo successo.

Le prove soliste – “Without Why”, del 2010, e “Stellular”, del 2017 – non lasciavano intravedere particolari motivi per andare oltre l’ascolto superficiale ed è per questo che stupisce ancor di più un disco come “A New illusions”, appena pubblicato, riuscitissimo, pieno di suoni ammalianti, cantautorato di qualità e felici rimandi ad artisti più o meno noti. I primi che vengono in mente, già dal brano di apertura “Echoes”, sono i Broadcast della compianta Trish Keenan, con quel suono retrofuturistico tra il pop e la sperimentazione, e insieme a loro una serie di influenze diverse ma tutte molte ‘dilatate’ ed eteree: la voce di Sandy Denny e la liricità di Joanna Newsom (con l’arpeggio etereo di “Wordlessy”), Jonathan Wilson (nella folk ballad sognante “Something Real”), Florence e i Fleet Foxes (“Too Much of Not Enough”), Grouper (“Simple Things”).

Non mancano episodi più immediati e pop, memori della ‘vita precedente’ della Dougall, come “A New Illusion” e “First Sign”, ma sono poco più che parentesi all’interno di un lavoro più complesso, intrigante, armonioso e molto femminile. Di un disco, in breve, tra i migliori usciti nel 2019.

Tracklist
1. Echoes
2. That's Where the Trouble Started
3. Wordlessly
4. A New Illusion
5. Something Real
6. Take What You Can Get
7. First Sign
8. Too Much of Not Enough
9. Christina in Red
10. Simple Things
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

First Aid Kit – Palomino

È passato davvero tantissimo tempo – quasi cinque anni – da quando le First Aid Kit hanno pubblicato il loro quarto LP, ...

Carla dal Forno – Come Around

Carla dal Forno continua a interrogarsi sul senso misterioso della realtà circostante, imprimendo un consolidamento  del suo approccio ...

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

Recent Comments