THE LONESOME SOUTHERN COMFORT COMPANY
S/T

 
 
17 Ottobre 2008
 

La maledizione stavolta la porta il vento.
Un forte incedere di cassa, una marcia sudista e alcolizzata. La maledizione stavolta la porta il banjo e la portano sulle spalle tutte quelle distorsioni di chitarre elettriche e una voce in riverbero continuo, infinito. Come suonano i cowboys quando sono strafatti, papà? Come urlano i cowboys quando sono morti? Così. Psichedelia acida all’ultimo stadio, ma sai che non è rock, quindi non può far troppo male in fondo; sei da qualche altra parte. Il Southern Comfort è un liquore forte. Ti ci sciogli l’anima e le frustrazioni e non ti ritrovano più neanche con la canna da pesca. Sei annegato, cazzo. Da solo.

Lonesome Southern Comfort Company: più interessanti degli Young Brothers Revival, più in acido di un ornitorinco, neri e maledetti come l’oscurità. Una produzione tutta svizzera che suona come la mela più marcia del sud degli Stati Uniti. C’è spazio anche per qualche accenno di italiano (un bel “Rudolph Giuliani…ma quanto mi ami?!?” in “Original choir of the republican party”). Un disco di secoli fa che parla dell’assurdità dell’oggi: 15 tracce che cullano con i violini e disinfettano le tue ferite prima di tramortirti, ipnotizzarti con un suono grezzo, tagliato con l’accetta. Se solo gli Okkervil River avessero fatto un disco con queste sonorità… . Non è tempo per i rimpianti. E’ tempo per altro. Un inno che profuma d’incenso e pian piano si trasforma in un piccolo vortice col retrogusto di spirito e tutto gira nel verso in cui non dovrebbe. I tavoli e le sedie girano in aria a volte.

Osservi Neil Young seduto al banco del saloon con un grosso, grasso coniglio al suo fianco. Ridono i due. Poi spariscono giù nella tana. Prendete i Neutral Milk Hotel (o i Circulatory System) fateli sbronzare per bene e se si reggono ancora bene in piedi fategli suonare qualcosa di Ennio Morricone. Siete più vicini di mezzo metro adesso a immaginare la musica dei Lonesome Southern Comfort Company. Un disco che prende vita dal fondo di una bottiglia e arriva dritto dritto all’interno della mia top ten di fine anno.

Cover Album
MySpace
The Lonesome Southern Comfort Company [ On The Camper – 2008 ] – BUY HERE
Similar Artist: Okkervil River, Neutral Milk Hotel, The Young Brothers Revival, The Entrance Band
Rating:
1. Train Song
2. Sappony Church
3. Back Home Every
Night At 2 a.m.
4. Blacklisted
5. Chalmette Plantation
6. Road To D.C.
7. Morro Bay Again
8. Original Choir Of The Republican Party
9. Noe Valley Resurrection
10. Train Song #2
11. Ludlow Massacre
12. Operation Centaur Showdown
13. To George Wherever You Are
14. Silverdome ‘94
15. Operation Swashbuckle
Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...