SUN KIL MOON
Universal Themes

[ Caldo Verde - 2015 ]
7.5
 
Genere: slow-core
 
2 Ottobre 2015
 

Mettendomi comodo di fronte al computer e cercando il modo migliore di iniziare questa recensione mi sono reso conto che mai si è parlato di Mark Kozelek tanto quanto in questo ultimo anno, dall’uscita di “Benji” in poi la notorietà del cantautore nativo dell’Ohio ha subito un balzo in avanti mostruoso, dovuto non solo alla qualità della musica proposta, ma anche alla risonanza mediatica che il nostro ha (involontariamente?) costruito intorno a sé.

Chi ha seguito le vicende dell’ex Red House Painters avrà letto di insulti nei confronti del pubblico, gustosi dissing verso i The War On Drugs e giornalisti troppo insistenti, fino ad arrivare a lunghi sproloqui riguardanti True Detective durante i concerti, tutto questo però, cosa rara in situazioni simili, non ha minimamente distolto l’attenzione verso gli ottimi ultimi due album del musicista statunitense.

E così tra un disco di canzoni natalizie e la collaborazione con il nostro Sorrentino per la colonna sonora di “Youth” Mark Kozelek ha trovato il tempo di dare alle stampe a solo un anno di distanza dal fortunato predecessore questi suoi “Temi Universali”, lavoro come al solito ostico e per nulla facile da digerire, costituito da otto tracce della durata spesso vicino agli agli otto minuti o anche più, (chilometrici) bozzetti di vita privata che ci trascinano nel bel mezzo dell’esistenza dell’irascibile cantautore, tra viaggi e discussioni con i colleghi, visioni ubriache di telefilm e telefonate con registi importanti, tutto questo in un misto di folk, rock e spoken word paranoici.

Trovate tutto questo noioso e difficile da assimilare? Vi assicuro che il gioco vale la candela, ascoltando questo disco non ho potuto proprio non pensare a “Youth”: dove la pellicola risulta farraginosa e a tratti fatica a stare tutta insieme pur avendo l’enorme potenza evocativa dell’epopea umana Sorrentiniana oltre che dei grandi interpreti, questo album riesce a tenere viva l’attenzione dell’ascoltatore per tutta la sua durata, questo grazie alla tensione nervosa che l’interpretazione di Kozelek, sentita e piena di “angst” nelle sue esplosioni elettriche, magistralmente ci elargisce.

In definitiva questi “Universal Themes” rispecchiano appieno il carattere del loro autore, ti respingono, ti strattonano e si rivolgono a te a muso duro ma sotto la loro spessa scorza si nasconde la bellezza della vita vissuta appieno, la rabbia e la delicatezza della poesia di strada, quella abbaiata alla luna dai cani randagi della canzone di cui Kozelek è l’indiscusso capo branco.

Tracklist
1. The Possum
2. Birds of flims
3. With a sort of grace i walked to the bathroom to cry
4. Cry me a river Williamsburg sleeve tatoo blues
5. Little rascals
6. Garden of lavender
7. Ali/Spinks 2
8. This is my first day and i'm indian and i work at a gas station
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Maggie Rogers – Surrender

Instancabile Maggie Rogers: sei anni dopo “Alaska” il brano che l’ha fatta conoscere e a tre dall’esordio “Heard It in a Past ...

…And You Will Know Us By The ...

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, ...

Tallies – Patina

Dopo il loro convincente omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a gennaio 2019, i Tallies sono ora ritornati con questo sophomore ...

UltraBomb – Time To Burn

Un fotomontaggio, probabilmente fatto con Paint, dove troviamo le immagini di un bambino incazzato e di un’esplosione atomica prese da ...

Recent Comments