MANDY

 
 
di
13 Dicembre 2018
 

In una scena più o meno a metà film, Nicholas Cage si trova in un bagno tappezzato con poco gusto di giallo e arancione, indossa slip bianchi e una maglia con al centro la testa di una tigre ruggente, è pieno ferite, madido di sangue. Urla come un ossesso, digrigna i denti e svuota una bottiglia di vodka, un po’ dritta in gola un po’ tirandosela sulle ferite. Tanto per strillare un po’ di più.
Quello che potrebbe sembrare uno dei raptus di overacting dei quali Cage è spesso preda, è nella pellicola di Cosmatos non solo funzionale alla narrazione, ma uno dei momenti più normali. Tanto per fare un esempio: lo scontro tra Cage e uno dei cattivi si risolve con un duello armati di seghe elettriche.

Eternamente al limite tra porcata e film d’autore, “Mandy”è una specie di vengeance movie esoterico, che mischia gore e new age. La fotografia spendidamente satura e cangiante e i costanti bordoni di synth di Johan Johansson, combinati al plot folle, ne fanno un’esperienza visiva e sonora tonitruante, a tratti stordente.
“Mandy” trova qualche precedente nell’estetizzazione estrema dei film di Refn, così come in “The Lords Of Salem” di Rob Zombie, ma Cosmatos ha gran personalità nel limitarsi a strizzare l’occhio a questi modelli e piegarne la lezione ai suoi scopi.
Tante sono le peripezie che il personaggio di Cage deve affrontare per trovare vendetta, che alla fine del film quasi si tira un sospiro di sollievo e ci si dimentica per un attimo della quasi totale assensa di senso che affligge il film (a meno che non ci si accontenti del classico scontro tra bene e male o della forza brutale dell’amore).
Bello non so, ma sicuramente unico e ipnotico “Mandy” lo è, guardatelo perché una così non l’avete mai vista.

Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Belgio
Anno: 2018
Durata: 121 min
Genere: orrore, azione
Regia: Panos Cosmatos
Soggetto: Panos Cosmatos
Sceneggiatura: Panos Cosmatos, Aaron Stewart-Ahn
Produttore: Daniel Noah, Josh C. Waller, Elijah Wood, Adrian Politowski, Martin Metz, Nate Bolotin
Produttore esecutivo. Maxime Cottray, Christopher Figg, Lisa Whalen, Robert Whitehouse
Casa di produzione: SpectreVision, Umedia, XYZ Films
Fotografia: Benjamin Loeb
Montaggio: Brett W. Bachman
Effetti speciali: Eric De Wulf
Musiche: Jóhann Jóhannsson

Interpreti e personaggi

Nicolas Cage: Red Miller
Andrea Riseborough: Mandy Bloom
Linus Roache: Jeremiah Sand
Bill Duke: Caruthers
Richard Brake: il chimico
Ned Dennehy: fratello Swan
Olwen Fouéré: madre Marlene
Hayley Saywell: Sis
 

Joker

Siamo tutti destinati, prima o poi, a finire intrappolati nelle stanze bianche del manicomio di Arkham? La stanza bianca, “White Room”, ...

It – Capitolo due

Assolutamente non all’altezza del suo gradevolissimo predecessore, “It 2” di Andy Muschietti fallisce nel mancato ...

Once Upon A Time In… ...

E’ chiaro, a suo modo Tarantino si è morigerato. Sebbene su un campo da gioco completamente diverso, “OATIH” conferma la ...

La Casa di Jack

di Samaang Ruinees (recensione che trovate sulla pagina Facebook di Horror House) Jack è un ingegnere che vuole essere un architetto. Jack ...

The Boys (Stagione 1)

Quando iniziò a circolare la voce di un progetto che avrebbe portato sul piccolo schermo una serie basata sul fumetto “The ...