JEFF TWEEDY
Love Is The King

[dBpm - 2020]
7.5
 
Genere: folk-rock,country-folk
 
6 Novembre 2020
 

Terzo album solista di materiale inedito per Jeff Tweedy, pubblicato per la dBpm Records, l’etichetta di proprietà dello stesso leader dei Wilco: scritto durante il lockdown e prodotto proprio da Jeff insieme a Tom Schick, il disco è stato registrato lo scorso aprile al suo studio, The Loft, a Chicago con il solo aiuto dei figli Sammy (backing vocals) e Spencer (batteria).

Dopo aver dovuto sospendere il tour nordamericano della sua band principale a causa della pandemia e con tanto tempo a disposizione e probabilmente poco da fare, il musicista dell’Illinois ha potuto dedicarsi a questo nuovo progetto solista, che lo ha visto scrivere una nuova canzone al giorno fino a quando non ha avuto tra le mani abbastanza materiale per un nuovo LP: il risultato è un disco di undici canzoni dal suono piuttosto spoglio, senza fronzoli o particolati decorazioni, ma costruito senza nessuna urgenza – sebbene sia stato scritto e registrato nello spazio di pochi giorni.

Uno dei nostri brani preferiti di questo “Love Is The King” è “Opaline”: dalle influenze country-folk, il pezzo vede il “maestro” statunitense disegnare con semplicità panorami sonori dalle ampie vedute e dalle ottime sensazioni melodiche, utilizzando solo la sua chitarra e la batteria del figlio Spencer, già con lui nei Tweedy nel loro album “Sukierae” del 2014.

Il recente singolo “Gwendolyn” ricorda da vicino alcune canzoni dei Wilco con i suoi ottimi assoli di chitarra che non sembrano essere così lontani da quelli dei bei tempi di “Impossible Germany”.

“Even I Can See” è un’ode onesta e gentile alla famiglia e alla moglie: la sua semplicità e i suoi toni riflessivi sono pace e delizia per le orecchie di chi ascolta.

“Save It For Me” poi è un’altra piccola perla dalle atmosfere nostalgiche e malinconiche decorata da belle armonie vocali, dall’andamento leggero della sei corde di Jeff e da percussioni delicate, mentre la successiva “Guess Again” è un altro ottimo ed elegante testamento della forza cantautorale folk-rock del musicista statunitense.

Un lavoro nato probabilmente a causa del Coronavirus e del conseguente lockdown, “Love Is The King” è comunque un album raffinato e capace di regalare emozioni sincere per una quarantina di minuti di tranquillità che ci possono accompagnare durante una piacevole serata.

Photo Credit: Whitten Sabbatini

Tracklist
1. Love Is The King
2. Opaline
3. A Robin Or A Wren
4. Gwendolyn
5. Bad Day Lately
6. Even I Can See
7. Natural Disaster
8. Save It For Me
9. Guess Again
10. Troubled
11. Half-Asleep
 
 

Ministry – Moral Hygiene

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e ...

Low Hummer – Modern Tricks ...

Album di debutto per la promettente band di Hull, città portuale dello Yorkshire e che in molti ricordano per quel “London 0 Hull ...

Porches – All Day Gentle ...

Quinto album per Aaron Maine e il suo progetto Porches, a poco più di un anno di distanza da “Ricky Music”. La pandemia ha cambiato il ...

Lil Wayne, Rich The Kid – ...

Allievo e maestro a confronto. Due stili e due backgrounds in fondo ben distinti ma al tempo stesso così simili e strettamente connessi. ...

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...