DAVE GAHAN & SOULSAVERS
Imposter

[ Columbia - 2021 ]
8
 
Genere: cover album
 
13 Dicembre 2021
 

La tramutazione dell’acqua in vino, scusandomi sin d’ora se la parafrasi possa sembrare blasfema, ben si colloca anzi, a parer mio, lo fa perfettamente nella persona di Dave Gahan, un artista dalle doti smisurate, incommensurabili dove ogni suo fiato riesce a scaldare, emozionare e toccare l’intimo di ogni essere umano. Le corde vocali che la Provvidenza, giusto per non discostarci dal tema, gli ha donato sono perfette in ogni ambito, in ogni occasione, anche in quei rari casi dove potrebbero sembrare non vestite a pennello.

Con “Imposter”, il grande Dave si cala nei panni di un interprete che a sua volta vuole sorprendere se stesso, perché se da un lato è pur vero che i dodici episodi sono stati scelti accuratamente ed attentamente selezionati da Dave, da un altro è altrettanto vero che, difficile negarlo, da ogni singola nota Dave vuole ricordare a tutti davanti a quale top player ci troviamo.

Basterebbero, in effetti, le sole note dell’opener di James Carr “The Dark End Of The Street”, ovvero di “Metal Heart” di Cat Power oppure dell’incantevole “The Desperate Kingdom Of Love” di PJ Harvey per comprendere come Dave abbia affrontato questo lavoro con dovizia di particolari ma anche con tanto rispetto e delicatezza.

La differenza con i precedenti lavori a firma Soulsavers sta solo nelle sonorità in quanto sia nel primo “The Light The Dead See” del 2012 che nel successivo “Angels & Ghosts” del 2015, l’impronta di Dave si mostra cristallina nei testi ma anche nell’impianto sonoro. Certo, “Imposter” spicca per la sua inevitabile ambientazione personale dove il carismatico frontman dei Depeche Mode riesce traccia dopo traccia a sostenere qualsivoglia prova canora senza mai strafare. Come accade nella versione di un classico intoccabile come “Lilac Wine” portato in scena da Nina Simone e dall’immortale Jeff Buckley, ma anche nella meravigliosa versione di “Always on My Mind”, brano composto per Elvis Presley da Mark James ovvero in “Smile” di Charlie Chaplin, dove la playlist di Dave raggiunge il suo apice, avvolto da un mantello di raffinatezza ed eleganza.

Registrato nel novembre 2019 presso gli Shangri-La Studios a Malibu di Rick Rubin, questo terzo disco con i Soulsavers vede la collaborazione del solo Rich Machin, mentre l’altro membro Ian Glover non è accreditato, e rappresenta il quinto album di Gahan lontano dai DM, nel quale, dunque, il cantautore dell’Essex rispolvera il suo background musicale arrangiandolo e interpretandolo alla sua maniera.

Stupenda la versione di “Strange Religion” dell’amico Mark Lanegan – che ha fatto parte dei Soulsavers prima di lui in “It’s Not How Far You Fall, It’s the Way You Land” del 2007 e “Broken” del 2009 – come pure l’oscura “Shut Me Down” di Rowland S Howard o nel classico di Neil Young, una  “A Man Needs A Maid” che si adagia perfettamente nelle corde vocali di Dave.

“Imposter” ci regala quarantasei minuti di superba interpretazione, un disco per tutte le stagioni ma che sotto Natale ben si presta ad allietare le giornate intime e gioviali con parenti ed amici. Ed anche per questa volta, grazie Dave.

Credit Foto: Spencer Ostrander & Joe Magowan

Tracklist
1. The Dark End of the Street
2. Strange Religion
3. Lilac Wine
4. I Held My Baby Last Night
5. A Man Needs a Maid
6. Metal Heart
7. Shut Me Down
8. Where My Love Lies Asleep
9. Smile
10. The Desperate Kingdom of Love
11. Not Dark Yet
12. Always On My Mind
 
 

Say Sue Me – The Last Thing ...

Dopo aver ottenuto importanti riscontri con il loro secondo LP, “Where We Were Together”, uscito a marzo 2018, ed essere stati in tour ...

Tutti Fenomeni – Privilegio ...

Ho sempre pensato che Tutti Fenomeni non fosse altro che lo pseudonimo con il quale si esprimeva in maniera esclusiva Giorgio Quarzo ...

Il Peggio E’ Passato – ...

Esordio frizzante quello de Il Peggio E’ Passato da Parma, un trio che decostruisce il pop variandone gli elementi combinati in chiave ora ...

Anna Calvi – Tommy EP

Anna Calvi celebra il suo rapporto di collaborazione con la nota serie “Peaky Blinders” facendo uscire questo EP dedicato nel ...

The Black Keys – Dropout ...

Non è passato neanche un anno che The Black Keys sono tornati alla carica con un nuovo album di inediti. In un oscillazione tra passato e ...