JIM SHEPHERD
The Circle

[ Spinout Nuggets - 2022 ]
6.5
 
Genere: Alternative - indie rock
Tags:
 
13 Maggio 2022
 

La chitarra jangle e il sapore molto paisley di “Le Cercle” ci danno il benvenuto nel primo album solista di Jim Shepherd, voce e chitarra dei The Jasmine Minks, band che fu tra le prime finite nella Creation Records di Alan McGee. Anche se non ebbero il favoloso successo di Jesus and Mary Chain, Oasis e Primal Scream, la band di Aberdeen trovò qualche momento di gloria, come nel 1986 con il loro singolo di maggior successo “Cold Heart” (singolo della settimana per NME) e la prestigiosa partecipazione alla Peel Session.
Sono passati più di vent’anni dall’ultimo album della band e questo album solista di Jim ci coglie un po’di sorpresa ma alla fine ne restiamo piacevolmente colpiti.

Si avvale della collaborazione di vecchie amicizie, musicisti che frequentavano la Creation in quegli anni ormai lontani. Troviamo la produzione nelle mani di Dave Morgan (The Loft, the Weather Prophets, Subway Sect), Frank Sweeney (The June Brides) alle chitarre e alla tastiera e Arash Torabi (The June Brides, The Distractions, Beat Hotel) al basso. Tra gli ospiti ci imbattiamo in Tommy Reid con cui avava condiviso gli anni nei Jasmine Minks, Beth Arzy (The Luxembourg Signal, Jetstream Pony), Aberdeen’s Vapour Trails e Marianne Dissard che contribuiscono al disco con le loro voci.

I dodici brani di “The Circle” possono essere considerati il prodotto di una rimpatriata tra vecchi amici che si ritrovano dopo decenni per ricordare i vecchi tempi? L’impressione è questa ma in questa dozzina di brani troviamo ottime performance melodiche come “Opposites Attract” con la bella e soffice voce di Beth Arzy e l’altrettanto sdolcinata “We’re up High”. Il singolo “Coming Alive” ci ripropone lo Shepherd più trasgressivo e “politicizzato” nella suaa visione. Vecchie atmosfere dei tempi della Creation e ci avvolgono in “There Youu Go” e in “Time To Win”.

Trovando uno giusto baricentro tra l’indie rock dei suoi Jasmine Minks e un Rock’n Roll coniato su tinte soul, Jim Shepherd ci consegna un album più che dignitoso, un punto di partenza per il suo nuovo percorso solista.

Tracklist
1. Le Cercle
2. Time To Win
3. Opposites Attract
4. Blood
5. We're Up High
6. Maybe We'll Talk
7. Coming Alive
8. I Caught The Wind
9. There You Go
10. Stand Up (Beautiful Note)
11. Tough Old Birds
12. Saint Raphael
 
 

The Asteroid No.4 – Tones Of ...

Undicesimo album per la band che formatasi a Philadelphia nei primi anni novanta, trovò nella calda California un ottimo luogo dove ...

Kurt Vile – (watch my moves)

Ultimo lavoro del magico Kurt Vile e primo con la prestigiosa etichetta discografica Verve Records, (watch my moves) vanta una fibra cosmica ...

Dubstar – Two

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance ...

Toro y Moi – Mahal

E’ una vera forza della natura Chaz Bear / Toro y Moi e in “Mahal”, nuovo disco pubblicato su Dead Oceans dopo anni passati ad ...

King Gizzard & the Lizard ...

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più ...